cerca

PER IL NOME DEL MESE

C'è chi pensa nella quercia emiliana, infatti, che pubblicare con evidenza la parola «aprile», nome della associazione «parallela» nutrita dalle forze del Correntone e di Cofferati, possa creare imbarazzo e di conseguenza abbia portato alla decisione di ristampare i manifesti. La nuova versione di questi reca la scritta: «La nostra libertà. 21-25 aprile»; sullo sfondo si vede l'arcobaleno della pace, e la data ha meno risalto nella frase. Il leader bolognese di Aprile Luigi Mariucci dice che è «una cosa grottesca. Noi cerchiamo di impedire l'autunno della sinistra e siamo orgogliosi di avere il nome che coincide con la Liberazione dell'Italia». Dalla federazione di via della Beverara il responsabile della Comunicazione Rovinetti dice che l'episodio «non esiste» e che «da sempre i bozzetti, e non solo quelli dei manifesti, si fanno e si rifanno».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500