cerca

Iraq, gli inviati maschi vogliono tornare a casa

Duilio Giammaria è stato ferito, ha un braccio rotto e ha chiesto di rientrare al più presto dal Kurdistan perché ha bisogno di fare riabilitazione. Presto verrà sostituito da Alessandro Gaeta. Lo stesso Giuseppe Buonavolontà, stanco della guerra si è rivolto al direttore del Tg3 avvertendolo che preferisce non sostituire la Botteri e tornare alla base. Se gli inviati maschi, dopo un mese di guerra (e un altro passato ad attenderla) preferiscono far ritorno a casa, la maggioranza delle inviate sembra sentir poco la stanchezza e preferirebbe rimanere al suo posto. Nonostante i pericoli quotidiani e i disagi sempre più insopportabili, ad esempio, le inviate a Baghdad Lilli Gruber e Giovanna Botteri non lasceranno volentieri l'Hotel Palestine. Come del resto l'altra inviata al seguito dei marines americani Monica Maggioni (che non si separerà dalle truppe) e le colleghe Mediaset Mimosa Martini (appena giunta da Kuwait City) e Anna Migotto, mentre Gabriella Simoni avrebbe chiesto di rientrare. Essere al centro della notizia e della storia è un fatto che ti coinvolge a tal punto che non vorresti mai mollare, per non perderti qualcosa di fondamentale. Pare infatti che l'arrivo a Baghdad dei «rinforzi» Stefano Tura (Tg1), Fabio Venditti (Tg2) e Maria Cuffaro (Tg3), non abbia fatto esultare Gruber e Botteri. Soprattutto la seconda, che ora sembra abbia rimandato la sua partenza. In questo momento le forze Rai a Baghdad comprendono anche il collega della Emanuele Fiorilli e i telecineoperatori Enrico Bellano, Vincenzo Bonanni, Giuseppe Belviso e Guido Cravero. Ma se si considerano le presenze Rai in tutta la zona «calda», si tratta di un vero esercito. A Mosul ci sono Duilio Giammaria del Tg1 (in partenza), Francesco Vitale del Tg2 e il telecineoperatore Stefano Di Blasi. Mentre nel Kurdistan ci sono Roberto Taglialegna,Luigi Giudici e Giuseppe Mennella. La compagine più numerosa della Rai si trova a Kuwait City. Oltre a Sandro Petrone del Tg2, Giuseppe Bonavolontà del Tg3 (in partenza) e Leopoldo Innocenti della radio. Da poco c'è il gruppo di «Porta a porta»: Bruno Vespa, Marco Aleotti e Roberto Arditti. Folta anche la presenza Rai in Giordania, con 10 persone: In Qatar, rientrata a Roma Tiziana Ferrario sono rimasti Raffaele Fichera del Tg3, il giornalista Giancarlo Rossi della radio e il montatore Fabio Ballini.
Giu.Cer

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi