cerca

L'ASSEMBLEA DELLA FIDAE A ROMA

La scuola cattolica chiede la parità economica

Lo ha detto il Presidente nazionale della Fidae (Federazione istituti di attività educative) padre Antonio Perrone aprendo ieri a Roma la 56ma assemblea nazionale della Federazione.
«Ciò — ha spiegato — consentirà a tutti i genitori l'esercizio del diritto primario della libertà di educazione, cioè della libera scelta della scuola per il percorso formativo dei propri figli, come è già possibile nella quasi totalità dei Paesi dell'Unione europea». «La piena parità scolastica - ha proseguito padre Perrone - non è un privilegio per alcuni, ma il riconoscimento di un diritto civile di tutti; essa non è solo una conquista di civiltà giuridica, ma anche un contributo a migliorare il sistema scolastico complessivo, stabilendo tra le varie scuole un confronto e una collaborazione per offrire agli studenti, alle comunità familiari e sociali un servizio di qualità».
Non risulta da nessuna parte, sostengono i fautori della parità scolastica, che la gratuità della scuola dell'obbligo debba essere assicurata solo a chi frequenta le scuole statali. Infatti quasi tutte le nazioni europee hanno legislazioni «coerenti con i diritti educativi delle famiglie e degli alunni» e forniscono alle scuole non statali riconosciute i mezzi finanziari per l'esercizio delle attività scolastiche in funzione della libera scelta delle famiglie.
Sulla «difficile situazione» in cui versano oggi molte scuole cattoliche si è soffermato Monsignor Cesare Nosiglia, Presidente della Commissione episcopale dell'educazione scuola e università. Molti istituti - ha detto - sono costretti a sacrifici veramente grandi per sopravvivere di fronte a inadempienze che sono state gravissime nei mesi scorsi sul piano dei finanziamenti, peraltro dovuti e via via sempre rimandati. Un fatto grave - ha affermato - che denota la estrema provvisorietà in cui ci si deve muovere giorno dopo giorno senza una definita e chiara normativa paritaria applicata con coerenza sui diversi ambiti, compreso quello finanziario«.
L'impegno del Governo a «inserire la scuola paritaria a pieno titolo nelle politiche ministeriali» è stato assicurato dal sottosegretario all'Istruzione Valentina Aprea che pure ha ammesso i ritardi nell'erogazione delle risorse finanziarie di cui si sono lamentati gli esponenti di Fidae. La colpa è della rigidità del bilancio dello Stato - ha spiegato - ma anche delle difficoltà che si frappongono al trasferimento degli stanziamenti alle Regioni». Ha quindi confermato l'impegno del governo per il pluralismo educativo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500