cerca

La fine dell'atomo italiano

Nel cuore della centrale nucleare del Garigliano

La Sogin, la società incaricata dello smantellamento del nucleare italiano, ha aperto le porte della centrale del Garigliano. I lavori per la demolizione del camino sono partiti il 21 agosto e l'altezza della ciminiera è già scesa da 95 a 70 metri. Prima, però, un robot ha grattato le pareti togliendo le parti contaminate dalla radioattività. I lavori termineranno a breve. Poi la società guidata dall'ad, Luca Desiata, partirà (manca solo un'autorizzazione dell'Ispra) all'attacco del contenitore del reattore nucleare. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello