cerca

GENTILI IN STRADA CATTIVE IN PISTA

Audi svela le nuove sportive

A bordo della famiglia RS: con RS3, RSTT e RS5

Audi svela le nuove sportive

«Audi Sport» è una divisione distaccata, della nota casa tedesca, creata nel 2014, per la realizzazione di prodotti particolarmente prestazionali, raggruppati sotto la sigla «RS». Noi abbiamo provato, in strada e su pista, gli ultimi 3 modelli arrivati dai concessionari: la RS3, la RSTT e la RS5. I punti chiave dello sviluppo, per queste belvette, sono due: brividi in pista, ma possibilità di una universale gestione quotidiana e di qualche puntatina sportiva, anche per piloti non professionisti. La famiglia RS, attualmente, conta 10 modelli, ma entro il 2020, saliranno a 16. Gli ultimi due membri della famiglia, recentemente presentati, sono: la A4 e la R8 «posteriore», un’auto per pochi eletti, molto esperti, visto che scarica sul didietro 540 Cv. Tornando all’argomento del giorno, abbiamo attraversato l’Appennino tosco emiliano, guidando per i passi della Radicosa e del Muraglione ed abbiamo terminato i test in circuito, a Misano Adriatico. Ora diamo uno sguardo alle auto.
La nuova RS 3, disponibile in versione Sportback e Sedan e TT, disponibile in versione Coupé e Roadster, adottano un sistema di trazione integrale che, di base, distribuisce coppia motrice, tramite un giunto centrale di tipo Haldex, al 50/50 tra gli assi, ma in caso di necessità, sposta dove serve e l’elettronica compensa su ogni singola ruota. Identico anche il motore, il super premiato e supercollaudato 5 cilindri TFSI di 2.5 litri, alleggerito (-26 kg), portato a 400 Cv, 33 in più rispetto alla precedente versione, con 480 Nm di coppia, 15 in più. Il cambio è un S-Tronic a 7 rapporti, gestibile in modalità totalmente automatica o tramite i paddles al volante. Le due auto hanno personalità ben distinte.
La TT RS (noi abbiamo testato la coupé), che ha anche una valvola che apre gli scarichi, sembra nata per affrontare misti stretti e sbizzarrirsi in circuito. La RS 3, anche se stiamo pur sempre parlando di un’auto da 4,1 secondi sullo 0-100, è più gestibile, anche se basta premere un pochino sull’acceleratore e si arriva a fondo corsa del contachilometri. La RS5 coupé è ben altra faccenda, anche se mantiene la trazione integrale, al contrario delle sorelline, monta un differenziale centrale meccanico, simile ad un Torsen, che gli conferisce una guidabilità davvero unica e, di base, la trazione è distribuita al 60% sul posteriore. Il motore è il V6, di 2.9 litri, biturbo, capace di 450 Cv e ben 600 Nm di coppia massima (ne ha guadagnati 170, rispetto al precedente) ed il cambio è un Tiptronic ad 8 rapporti. Di serie, tutte e 3 le vetture, offrono la possibilità di settare l’auto su modalità più o meno sportiva, poi, volendo, si può disattivare proprio tutta l’elettronica, ma è decisamente sconsigliabile, almeno su strada.
I prezzi partono da: 53,500 euro per la 3, 73,700 per la TT e 89,900 per la 5.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada