cerca

PIANETA SPIDER

Un'estate a cielo aperto

Viaggio alla scoperta del pianeta spider dove ci sono offerte per tutte le tasche. Dai 69 cavalli della piccola Smart agli oltre seicento della cattivissima Audi R8

Un'estate a cielo aperto

La nuova Mercedes GT-C a cielo aperto

«Chi non ha mai desiderato una cabrio, scagli la prima pietra». In questo caso non vogliamo lapidare nessuno, ma col caldo, con il belò tempo, quelle poche remore rimaste sull’utilizzo dell’auto a 360 gradi, vanno a farsi friggere e la voglia di guidare a cielo aperto, diventa preponderante.

Ecco una bella carrellata di mezzi, per tutte le tasche, in grado di dare corpo a quel sogno incipiente e cominciamo da una casa che, in fatto di cabrio e roadster, ha presentato davvero tanto, in questi ultimi mesi: la Mercedes. La gamma meriterebbe un trattato a parte, ma noi ci limitiamo a citare i due modelli: la E Cabrio ed una stratosferica GT-C. Iniziamo da una più gestibile E. Rispetto alla precedente versione, le dimensioni crescono: 113 mm in lunghezza (4.826 in totale) e 74 di larghezza. Il bagagliaio, anche a tetto aperto, può stivare 310 litri di carico, che arrivano a 350 con la capote chiusa. La struttura è quella della E coupé, con i debiti rinforzi e con tutta l’elettronica del caso, compresi i sistemi di protezione antiribaltamento, inaugurati dalla casa, molte versioni fa. L’auto è dotata di un sistema di climatizzazione intelligente, che si regola da solo, con bocchette anche in prossimità del colo e ti consente di viaggiare scoperto anche con climi non proprio estivi. Tre le motorizzazioni per l’Italia, dove l’auto arriverà a settembre: 2.0 litri a gasolio da 194 Cv, 3.0 litri a gasolio da 258 Cv e 3.0 litri benzina da 333 Cv. L’auto arriverà a settembre, con prezzi a partire dai 60.000 euro. Concludiamo la parentesi della stella, con una stratosferica «GT-C», Vediamo cosa cambia, rispetto alla sorellina senza la «C». Il tettuccio resta lo stesso, si apre e si chiude in 11 secondi, anche in movimento, il motore, invece, guadagna 81 Cv (557) in totale, e la coppia arriva a 680 Nm (anche in questo caso, 80 in più). il retrotreno è stato allargato di 57 mm e, soprattutto, c’è il nuovissimo assale posteriore autosterzante: fino a 100 km/h, le ruote posteriori sterzano in senso contrario a quelle anteriori, per agevolare manovre, dai 100 in su, seguono tutte e 4 la stessa traiettoria. Il prezzo è di circa 174.000 euro.

Passiamo per casa nostra, con la Grancabrio in versione MY 2018. Rispetto alla precedente versione, cambia la mascherina e fanno la loro comparsa nuovwe prese d’aria laterali. La motorizzazione resta affidata al 4.7 litri, V8, da 450 Cv. Potenziato l’infotainment, con uno schermone da 8,4 pollici ed un sistema in grado di dialogare con apple ed android.
Restiamo in tema di «Super car», con l’ultima scoperta di casa Audi, la r8 Spyder, che ormai si dovrebbe chiamare R10, visto che monta il v10 di 5.2 litri di derivazione Lamborghini. Questa bestiola eroga ben 610 Cv, pesa quasi 100 kg di meno della precedente versione, supera i 325 km/h ed accelera da 0 a 100 in poco più di 3 secondi. L’assetto monta ammortizzatori autoregolabili e freni con dischi carboceramici, Il prezzo dovrebbe aggirarsi nell’ordine di 208.000 euro.

Altra bestiaccia a cielo aperto, la nuova McLaren 570 Spider. Il tettuccio, in questo caso, non è in tela, ma una sorta di hard top in materiali compositi, composto da due pezzi, capace di aprirsi in 15 secondi. Rispetto alla versione chiusa, da cui deriva, l’incremento di peso è stato contenuto in soli 46 kg. La motorizzazione resta affidata al v8 di 3.8 litri, da 570 Cv e le prestazioni non lasciano certo a desiderare: a cielo aperto, questa spider, riesce ad andare a 315 km/h, 328 a tewtto chiuso, per un’accelerazione 0-100 da 3.2 secondi. Il prezzo, per il nostro mercato, è di circa 215.000 euro.  Abbassiamo il tono, pur restando in tema una signora automobile, con la nuova Bmw Serie 2 cabrio, una bella scoperta a 4 posti. L’anima resta la stessa ma, diciamo, che è stata data una bella rinfrescata. I fari ora sono a led e, a richiesta, adattivi. Cambia la classica griglia a doppio rene, che regala un look più deciso ed assettato. La capote si apre e si chiude anche in movimento, fino a 50 km/h. La gamma motori è più vasta che mai e va dai 136 ai 340 Cv e la m24i, viene offerta anche con la trazione integrale.
Passiamo ad una francesina Doc, una 4 posti, sotto i 4 metri di lunghezza, firmata «DS». Stiamo parlando della DS3 Cabrio, che mantiene i montanti laterali, con il tetto che scorre sopra, apribile fino a 120 km/h e settabile in 3 posizioni: intermedia, orizzontale e totale, che abbatte anche il lunotto posteriore. Oggi, l’auto adotta lo stesso schema ottico di DS4 e 5, con fari che sono un connubio tra Led e Xeno (si riduce il consumo energetico, aumenta il fasci luminoso ed anche la durata). La nuova DS3 Cabrio è super informatizzata e consente collegamento con apple ed android, offrendo numerose app. Completa anche la dotazione elettronica per la sicurezza, con nuovi sistemi intelligenti di frenata automatica. È presente anche una versione Performance, da 208 Cv, con differenziale anteriore autobloccante. I prezzi partono da 23.000 euro. Approdiamo di nuovo in casa nostra, con La 500 695 Abart «Rivale», disponibile anche in una versione ancora più lussuosa, la «175 anniversary» concepita insieme ad un altro marchio d’eccellenza dell’industria italiana: «Riva». Esclusiva la livrea bicolore: blu sera e shark grey, con un tratto color acquamarina, che traccia una linea all’altezza della cintura e finiture cromate, che l’avvicinano allo stile di uno yacht. Impreziositi gli interni, dotati di ogni ben di Dio. Lo schema tecnico è quello della 695: 180 Cv, con 250 Nm di coppia, per 225 km/h di velocità massima ed uno 0-100 da 6,7 secondi. Il prezzo parte da 28.000 euro.

Concludiamo con la più piccola della categoria, la Smart cabrio, disponibile, tra l’altro, anche con motore elettrico. Anche la Smart, come DS3 e 500, ha la possibilità di sistemare il tetto su tre posizioni, una della quali, togliendo i montanti, l’ascia l’auto completamente scoperta (in caso di pioggia, però, si perde un po’ per rimontarli). Nelle altre due modalità, il tettuccio a tre strati, si apre e si chiude in 12 secondi, in totale automatismo ed a qualsiasi velocità. Disponibili entrambe le motorizzazioni, da 70 e 90 Cv, oltre alla Brabus da 109 Cv e numerosi pacchetti per le più svariate personalizzazioni. I prezzi partono da 19.000 euro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista GUARDA

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"