cerca

POVERA FIAMMA

Se Fini è un coglione

Casa di Montecarlo Bastonata per Gianfranco Fini, non solo Giancarlo dalle carte dell'inchiesta spunta anche Elisabetta Tulliani

Gianfranco Fini ed Elisabetta Tulliani

Auguro con tutto il cuore a Gianfranco Fini che sia un coglione, come lui stesso si è definito. Ovvero gli auguro davvero che la vicenda della casa a Montecarlo, l’intestazione della casa a sua moglie o a suo cognato, i soldi percepiti dai familiari, per non dire di tutto il resto, siano avvenuti tutti «all’insaputa» di Fini, vissuto nel candore innocente dei pupi anche se faceva il leader e il presidente della Camera. Per non dire dei contratti milionari della Rai alla mamma dei Tulliani per organizzare il pubblico nei programmi televisivi, i soldi e le proprietà di Gaucci intestate alla Tulliani, la misteriosa vincita al lotto, le fortune caraibiche di Checchino il segretario di Fini... Ci pare davvero difficile sostenere una tesi del genere, considerando che stiamo parlando di sua moglie, dei suoi famigliari, di vantaggi ottenuti solo perché congiunti di Fini, dei suoi stretti collaboratori, e stiamo parlando del partito diretto con pieni poteri dallo stesso Fini. Ma ci auguriamo che di Fini si possa davvero dire, come pensavamo anche noi fino a qualche tempo fa, che era solo un coglione ma non un corrotto. Era solo un fesso, come dice lui, usato da furbi, ma non un furbo egli stesso. Ora la vicenda sta assumendo dimensioni enormi che ridicolizzano quanti definirono a suo tempo «macchina del fango» l'inchiesta di Gian Marco Chiocci. Un esempio di complicità mediatica e politica a largo raggio con decreti legge, rimozioni di personaggi scomodi, omertà di giornali e telegiornali, campagne diffamatorie contro chi scriveva articoli sulla vicenda e sulla figura di Fini.

L'ultima cosa che avremmo mai pensato di fare era di tornare a occuparci ancora di Fini e del caso Montecarlo. Anzi, avendo compreso il dramma in cui si era trovato a vivere per la sua «coglioneria» (usiamo sempre la sua ipotesi benevola), la sua caduta nella clandestinità e nella solitudine, nutrivamo un filo di umana comprensione e avevamo pensato di non infierire più. Anzi, più volte sollecitati, ci siamo rifiutati di tornare su di lui. Ma la vicenda emersa, che è perfino peggio di come era apparsa a suo tempo, l’incredibile intervista rilasciata ieri da Fini a Il Fatto, e la rabbia di quanti hanno speso una vita nel Msi
e poi in An, ci costringono a tornare sull'argomento.

Lasciamo la questione giudiziaria a chi se ne occupa, lasciamo la tragica sit-com della famiglia Tulliani-Fini e dei loro affari, e occupiamoci invece di loro, dei militanti, iscritti e simpatizzanti, che avevano creduto nella Fiamma e nella destra sociale e nazionale e avevano pagato di persona; e di quanti avevano donato i loro beni a quella fiamma e alla sua idea; e infine a quanti, a partire da Giorgio Almirante, avevano messo la faccia, la mente e il cuore in quel partito. Sono loro, tutti, - in misura diversa - i derubati, gli ingannati e le vittime di questa vicenda, sono loro che andrebbero risarciti sul piano morale e politico, umano ed economico. E suona offensivo quanto dice ora Fini nel suo mea culpa, che sta soffrendo come loro: omettendo l’abissale differenza che lui è causa del suo male e loro stanno soffrendo a causa sua, della sua insipienza o come preferisce dire l’interessato, coglioneria. Perché Fini ora non si impegna con la famiglia Tulliani a restituire loro il milione e trecento mila euro che ha realizzato dalla vendita della casa di Montecarlo (comprata da altri in favore di sua moglie e del suo fratellino a 330 mila, negata a chi l’avrebbe comprata a un milione di euro, come ci disse un immobiliarista romano)? Perché non devolve la cifra a una specie di Soccorso tricolore a sostegno di militanti di ieri che oggi sono in difficoltà, o per i dipendenti di An licenziati dal gruppo parlamentare, o per borse di studio a giovani meritevoli che possano avviarsi alla vita politica con studi adeguati e dopo selezioni adeguate, evitando improvvisatori, corrotti e coglioni?

Poi, allargando lo sguardo, mi chiedo: la scomparsa della destra in Italia fu dovuta a vari fattori, dallo svuotamento di contenuti ideali e progetti politici e strategici ad opera di Fini, alla pochezza di molti suoi rappresentanti, al berlusconismo e a tutti i fattori politici e sociali che volete. Ma quanto ha pesato la vicenda Montecarlo con gli annessi e connessi, quanto ha pesato quel cerchio di cui si è circondato Fini, quella mutazione antropologica e infine quella coglioneria che in altri è diventata corruzione, sulla fine ingloriosa della destra in Italia? In quel tempo, accusando Fini di essere ladro dei sogni di tanti giovani che aveva dato l’anima per la fiamma, citammo una massima di Ezra Pound assai nota ai missini: «Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee o le sue idee non valgono niente o non vale niente lui». E la citammo in versione immobiliare: «se un uomo è disposto a vendere una casa per così poco o non vale niente la casa o non vale niente lui». E la casa di Montecarlo, conti alla mano, valeva molto. Povera fiamma.  

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • eugenio

    mosca

    22:10, 25 Dicembre 2016

    una fine class action contro fini

    dietro un grand uomo c'e' una gran donna. per gianfranco era daniela Fini. La fine del signor gianfranco fini e' dovuta alla donna sbagliata. oltre ad essere un idiota in quanto per coprire un buco (la casa a montecarlo non sapevo) ha creato una voragine (corruzione ed evasione al suo finanziatore occulto in offshore), lo statista fini e' stato coglione in quanto passato da una gran donna ad una starlette di cinema d'essai. si e' scelto (dimmi con chi vai e ti diro chi sei) una persona arrivista, avida, facciendiera e meschina. sembra a sentire i magistrati anche ladra. fini sicuro sapeva e si prodigava per rubare due spiccioli. un uomo da due soldi. i tullianis che si intestano gratis la casa del MSI a montecarlo? o prendono appalti rai con una societa' di produzione ridicola e improvvisata? fini e' un uomo piccolo ma piccolo così: rubato il patrimonio, svenduto ideali e partito per una velina ex amante di gaucci. se fini ha agito per arricchimento personale suo e delle amate sanguisughe, o zecche, perche' non fare una fine e signorile class action con esposto per riprendere l'illecito rubato da lui e dai suoi amati familiari? assolutamente daccordo a far restituire soldi e quindi dignita' ad partito fatto di ideali e persone perbene. dove e' la giustizia? perche' nessuno del MSI si e' attivato? cosa c'e dietro?

    Rispondi

    Report

  • Serena

    Verde

    14:02, 22 Dicembre 2016

    non dico nulla ....anzi se lui dice di essere un co..............., noi ancora peggio che crediamo a quello che dicono .

    Rispondi

    Report

  • Ivan

    Costantini

    06:06, 19 Dicembre 2016

    Fini fece lo sbaglio della sua vita a seguire il Papi, che gia' si sapeva prima o poi se lo sarebbe mangiato. Se Fini avesse mantenuto l'identita della destra italiana intatta contro i vari colonnelli ora sarebbe il capo riconosciuto e votato da tutta la destra, quella vera, no i vari munnezzari con le corna vichinghe in testa che rubano stipendi in euri per sputare sulla patria.

    Rispondi

    Report

.tv

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera grillina

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"