cerca

L'APPUNTO

La sindaca si dimentica della Lazio

La sindaca si dimentica della Lazio

Il sindaco di Roma Virginia Raggi

Ancora uno scivolone. A livello politico le censure alla sindaca Raggi arrivano da più parti, ma senza entrare nel merito della discutibile gestione della cosa pubblica, ora ci sono anche laziali sono imbufaliti. Dopo aver rinnegato la passione giovanile per i colori biancocelesti in ossequio ai dirimpettai cittadini e aver tolto la gioia al figlio Matteo di poter ricevere una maglia di Immobile autografata (è noto il suo tifo per la Lazio così come quello del suo papà), ecco una nuova dimenticanza: il Campidoglio fa autogol e non celebra l’impresa della banda Inzaghi che ha alzato al cielo la Supercoppa dopo aver battuto il 13 agosto la Juventus più forte di sempre.

Non uno straccio di comunicato, nemmeno due righe per invitare la squadra in Comune come peraltro era successo sempre in passato con la sola eccezione del maggio 2013 per ovvii motivi di opportunità. I<ET>tifosi laziali hanno rispettato la ripetuta presenza all’addio di Totti, i continui comunicati sullo stadio di Pallotta, ora però manca solo di vedere la sindaca in Curva Sud per completare la giravolta sportiva: che cosa non si fa per un pugno di voti. È solo calcio ma da queste parti conta, eccome.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta