cerca

Ingiustificate le critiche al tecnico della Lazio

Nessuno tocchi Inzaghi

Nessuno tocchi Inzaghi

Giù le mani, non scherziamo. Per carità, qualche peccato di ingenuità Simone Inzaghi l'avrà pure commesso, qualche sostituzione l'avrà sbagliata, però ai soliti criticoni è bene ricordare il punto di partenza. L'8 luglio, dopo il no di Bielsa, la Lazio era davastata, i tifosi imbufaliti, i giocatori sballottati dal <gran rifiuto> del santone argentino: Simone ha ripreso i cocci, li ha riassemblati, ha creato una squadra, stimolato i senatori, rianimato i giovani talenti in cerca di autore. In pratica, ha fatto un miracolo portando finora 44 punti e una semifinale di Coppa Italia attingendo da una rosa che l'ultimo Pioli aveva depotenziato. Quindi, è ingiusto colpevolizzare il tecnico se i cambi del reparto avanzato sono modesti, se la rosa è di buon livello ma è difficile pensare che qualcun'altro  potesse fare di più. Avanti con Inzaghi, è lui il tecnico per questa stagione e per il futuro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 23:11, 16 Febbraio 2017

    Giusto

    Criticare il Mister è follia pura. Si deve in grande parte a lui la buonissima stagione che stiamo vivendo. Purtroppo l'ambiente è inquinato dai soliti tiratori scelti che in una sorta di masochismo si augurano sempre il peggio. Roberto

    Rispondi

    Report

.tv

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino

A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada
Matteo Salvini a Il Tempo: "Il campo di via Salone va eliminato"