cerca

Mille tifosi laziali all'Adriatico

Cara vecchia curva Nord non mollare

 Cara vecchia curva Nord non mollare

Erano mille all'Adriatico, ormai da qualche trasferta la Lazio ha ritrovato i suoi tifosi. Quelli che non mollano mai, quella metà curva Nord che anche nelle partite in casa non smette mai di incitare la squadra. La posizione sugli errori della società non è cambiata, le frizioni con Lotito resistono, però si è scelto di tornare allo stadio con l'obiettivo di non lasciare soli i ragazzi in maglia biancoceleste: è solo cambiata la priorità, la Lazio prima di tutto. A loro vanno i complimenti di chi ha a cuore le sorti del più antico club della Capitale, dai veri tifosi un grazie  per i sacrifici di ogni tipo che fanno per essere sempre al fianco della Lazio. La linea non è condivisa da tutti ma rivedere la curva completamente piena sarebbe il più grande successo di Inzaghi e della sua banda in questa stagione. Complimenti a chi ci sta mettendo ancora una volta la faccia cercando di ricompattare la tifoseria laziale sotto un'unica bandiera.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 18:06, 06 Febbraio 2017

    Meglio tardi che mai...

    il nuovo responsabile della comunicazione sta effettivamente svolgendo un'opera di mediazione importantissima. Il sistema anti LAZIO è stato creato subdolamente, facendo leva sulle riconosciute colpe della presidenza in un momento storico di estrema sottomissione al potere occulto (e non) della rioma. Qualora dovesse riuscire nell'intento, sarebbe un'impresa paragonabile ad una coppa intercontinentale, poiché garantirebbe un futuro alle militanze bianco celesti. Davvero "complimenti a chi ci sta mettendo la faccia" e quindi anche a lei, ferito e nostalgico Dott Salomone.

    Rispondi

    Report

.tv

La vittoria de Il Tempo
Carlotta ha il suo comunicatore

Acrobazie e show, gli Harlem Globetrotters a Il Tempo
Urla e scappa, poi accoltella il poliziotto: attimi di paura in via Appia a Roma
"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile