cerca

NOMINE GLORIA E RISCHI

Giochi di potere

Giochi di potere

Caro direttore,
i generali In Italia l’unica guerra che sanno davvero fare è quella tra loro quando si avvicina il momento delle nomine per posti che regalano ormai poca gloria e molti rischi.

Il governo ha varato una ridicola norma nel decreto fiscale sui limiti di durata delle cariche, voluta dal comparto della Difesa per assecondare qualche amico e allontanare chi non è più gradito. Tre anni non di più. Ma la partita si gioca ora nei luoghi dove si esercita il potere vero quello del denaro al Mef. Al contrario di quanto è stato fatto per le stellette si lavora per prorogare il Ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, un gentile economista della Banca d’Italia catapultato a controllare senza esperienza, i conti dello Stato molto più di tre anni fa. Per evitare ciò scalpitano due interni: Alessandra Dal Verme, imparentata Gentiloni che tempesta i ministeri di proposte e soluzioni e Biagio Mazzotta, l’equilibrista delle coperture di bilancio. In lotta tra loro, rivendicano il posto per un interno, secondo una vecchia tradizione che ha visto in quel ruolo personaggi come Milazzo e Monorchio. Rimarrà Franco, così come è stato per Vincenzo La Via, direttore generale del Tesoro, che si è distinto solo per la sua distaccata signorilità e per la sua assenza. Lo stesso avverrà per il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, con l’aiutino di Mattarella, per evitare che a Renzi venga in mente di piazzare qualcuno pescato dalle parti di Rignano. Una gestione del Mef con Pier Carlo Padoan modesta, dove brilla solo il capo di gabinetto Roberto Garofoli, al quale viene sbarrata la porta della Consob. Per non parlare di Alessandro Rivera, che si sarebbe dovuto occupare con più efficienza di banche, o Antonino Turicchi, di partecipate e l’onnipresente Antimo Prosperi promosso alConsiglio diStato ma ancora presente in forze al Mef.

Ma qualcuno che sappia davvero di conti pubblici, credito e industrie non si trova mai? Pare che chi tifa per un Mef e una Banca d’Italia che non diano problemi sia proprio Mario Draghi da Francoforte. Come dire, non disturbate il manovratore.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada