cerca

Lettere al direttore

Costruire altre case di pena

Gentile dottor Chiocci, sono decine di anni che si parla di costruire altre case di pena e di ripristinare quelle incomplete, cosa si sta aspettando? Altro che il ponte sullo Stretto! L’attuale situazione carceraria concede gratuitamente solo alibi per carceri sature a chi ci dovrebbe tutelare ad essere clementi regalando arresti domiciliari e altri misteriosi perdonismi grazie a certi cavilli disponibili che concedono le nostre leggi. Con l’interminabile immigrazione di massa e per la famosa legge della compensazione i reati si decaduplicheranno, quindi se non abbiamo istituti di pena disponibili cosa facciamo? Stiamo rischiando l’irreparabile, oramai la jungla è alle porte.

Lettera firmata

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni