cerca

Dopo il delitto di Pamela Mastropietro

Ancora choc a Macerata, spari da un'auto in corsa. Otto stranieri feriti, arrestato un uomo

Spari da un'auto in corsa a Macerata, ci sono feriti

L'uomo arrestato: Luca Traini, 28 anni

Ancora choc a Macerata dove un uomo - Luca Traini, 28 anni, incensurato e originario delle Marche - ha sparato da un'auto in corsa. Prima di essere arrestato ha ferito otto stranieri - cinque, di cui uno in prognosi riservata, sono gravi. Due sono irreperibili - tutti maschi e di colore. L'uomo ha sparato da un veicolo di colore nero - un'Alfa Romeo 147 - in corso Cairoli e via dei Velini e l'ipotesi più probabile è quella che abbia agito per "vendicare" in qualche modo il delitto di Pamela Mastropietro, la 18 romana uccisa, fatta a pezzi e nascosta in due trolley. Omicidio per il quale è accusato un pusher nigeriano.

Al termine di una mattinata di terrore, l'auto è stata individuata dalle forze dell'ordine e l'uomo è stato fermato. Si tratta di un italiano, Luca Traini di 28 anni, incensurato e originario delle Marche, fermato tra corso Cavour e via Roma. Quando si è visto braccato da poliziotti e carabinieri si è buttato a terra per farsi arrestare. Sulle scale del monumento ai caduti si è tolto la giacca, ha messo una bandiera dell'Italia sulle spalle e ha gridato "viva l’Italia" facendo il saluto fascista. Ora è interrogato.

Luca Traini, il giovane fermato, è originario di Tolentino, ha 28 anni e alle elezioni amministrative del 2017 è stato candidato per la Lega nel comune di Corridonia. L'uomo, trovato in possesso di una pistola Glock, avrebbe agito da solo sparando in otto luoghi diversi della città dall'auto a cui era stata rimossa la targa.

"Restate tutti in casa fino a nuova comunicazione. C'è un uomo armato in auto che sta sparando in città. Abbiamo fermato il trasporto pubblico. Abbiamo chiesto alle scuole di tenere i bambini all'interno fino a nuova comunicazione. Si consiglia di non muoversi per andare a prenderli fino a nuova comunicazione", aveva  scritto su Facebook, Romano Carancini, il sindaco di Macerata.

Intanto è stato convalidato il fermo di Innocent Oseghale. L'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre il gip Giovanni Manzoni ha disposto la misura cautelare in carcere.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • renzo

    anastasio

    14:02, 03 Febbraio 2018

    ..."piscis a capite fetet"...la puzza viene dalla testa...di un governo che non sa (o fa finta di non sapere per motivi di convenienza) gestire l' immigrazione fomentando così l' odio razziale e se non sarà riconfermato alle prossime elezioni sarà soprattutto per motivi di legalità e sicurezza sociale...un governo che si rispetti dovrebbe 1) dare ospitalità e lavoro a tutte le persone oneste che hanno bisogno di aiuto indipendentemente dal colore della pelle e saperle integrare nel rispetto delle nostre leggi e tradizioni ; chi è onesto si integra anche facilmente. 2) vietare l' ingresso con regole ben studiate a tutti i disonesti, a tutti coloro che senza lavoro e dovendo pur nutrirsi si danno alla delinquenza ; espellere chi tradisce l ' ospitalità ricevuta ; questi non si integreranno mai . 3) le leggi ci sono , ce ne sono anche troppe , basta applicarle bene ; la certezza della pena è fondamentale e purtroppo oggi in Italia non c'è ! il popolo elegge i propri governanti , li paga profumatamente e si aspetta che questi facciano il loro dovere...giusto ?...o no ?

    Rispondi

    Report

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari