cerca

DURE ACCUSE ALLA MAGISTRATURA

«Io, Renzi, il Noe e Woodcock...», l'esposto-bomba
del generale Adinolfi al Csm

«Io, Renzi, il Noe e Woodcock...», l'esposto-bombadel generale Adinolfi al Csm

Michele Adinolfi

Lo hanno indagato e intercettato per mesi per via di uno scambio di persona che appariva evidente fin da subito; lo hanno interrogato pur nella consapevolezza, comunicatagli dai pm di Napoli Henry John Woodcock, Giuseppina Loreto e Celestina Carrano, e risultante dall’informativa del Noe, della sua totale estraneità all’inchiesta sugli appalti della Cpl Concordia per la metanizzazione di Ischia e dell’agro aversano; gli hanno negato gli atti dell’indagine e le intercettazioni a suo carico nonostante fosse stato prosciolto; e a distanza di due anni dalla sua archiviazione gli atti dell’inchiesta non sono stati ancora depositati. A questo aggiungeteci una fuga di notizie che lo ha sputtanato a mezzo stampa rovinandogli la vita e la carriera. C’è questo, e molto altro, nell’esposto-bomba che l’ex Comandante in seconda della Guardia di Finanza, Michele Adinolfi, il 4 luglio ha fatto pervenire alla Prima commissione del Csm. La stessa alla quale qualche giorno fa la procuratrice di Modena Lucia Musti ha riferito che il colonnello "Ultimo”, e il maggiore Scafarto gli avrebbero parlato della prospettiva di “arrivare a Renzi” proprio
attraverso l’inchiesta sulla Cpl.

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie