cerca

LE INDAGINI

Il racket delle prostitute dietro i roghi a Castel Fusano

Il racket delle prostitute dietro i roghi a Castel Fusano

Gli incendi che hanno carbonizzato la pineta di Castel Fusano, i contatti tra gli arrestati, le informative dei carabinieri e i luoghi dove giovani donne vendono i loro corpi. Elementi diversi che porterebbero verso un’unica ipotesi investigativa: dietro i roghi che in queste settimane hanno devastato la riserva naturale alle porte di Ostia ci sarebbe uno scontro legato a un giro di prostituzione. Ieri infatti, i carabinieri del gruppo forestale hanno arrestato un sessantatreenne. Quando i militari lo hanno fermato era intento ad appiccare un incendio tramite un rudimentale innesco: un volantino arrotolato e un accendino. L’arresto
dell’uomo, C.M., originario di Ostia, sembra essere particolarmente significativo. Perché secondo le indagini della procura l’arrestato sarebbe legato a un giro di prostituzione.

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni