cerca

L'INCHIESTA

Botte e rapine, la Capitale delle baby gang
Ecco come si sono spartite Roma

Botte e rapine, la Capitale delle baby gangEcco come si sono spartite Roma

Bullismo

Lanciano sassi dai cavalcavia, picchiano i coetanei per un misero bottino, mettono a segno rapine, forti della superiorità numerica, e soddisfatti si fanno fotografare con gli amici a missione compiuta. Sulle proprie bacheche Facebook si fanno chiamare coi nomi della Banda della Magliana o dei banditi di Gomorra. Eroi perversi dell'era dei social network, coatti, ignoranti e tatuati. Senza cuore eppur malati d'amore. Sono i bulli di Roma, i baby gangster che girano su costose microcar e postano immagini di soldi e pistole. Mamma e papà lavorano, si riposano da turni massacranti tra palestra e televisione, mentre i figli fanno finta di studiare ed escono a far danni. 

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi