cerca

I TORMENTI DEL CENTRODESTRA

Salvini sogna un futuro da Trump: "Pronto a fare il leader"

Berlusconi Salvini sogna un futuro da Trump: Pronto a fare il leader

Era inevitabile. E non tanto perché l'appuntamento del 4 dicembre si avvicina e un po' cominciano a sentire l'odore del sangue della "preda" Matteo Renzi. Quanto perché la vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti ha dato nuova linga e speranze ai "piccoli Trump" che da un po' di tempo stanno crescendo in Europa. 

In Italia l'identikit più vicino a quello del neopresidente Usa è sicuramente quello di Matteo Salvini. Non fosse altro perché staamattina, intervistato dal Corriere della Sera, Silvio Berlusconi ci ha tenuto a sottolineare che "alcune analogie sono evidenti, anche se la mia storia di imprenditore è molto diversa da quella di Trump, che non ho mai avuto occasione di conoscere. Io non interpreto 'la destra', rappresento un centro liberale e popolare, nel quale sono confluite le migliori tradizioni politiche del nostro Paese: da quella cattolica a quella del socialismo riformatore, da quella del liberalismo a quella della destra democratica e responsabile".

Insomma se Berlusconi prende un po' le distanze da Trump, Salvini è pronto a seguirne le orme. "Se mi chiedono di fare il premier ci sono, non è più tempo di rimandare, tentennamenti, dubbi, paure. Coraggio, idee e squadra non ci mancano. Non abbiamo paura, oggi comincia una lunga marcia" dice parlando da Firenze dove la Lega Nord ha organizzato una manifestazione per il no al referendum. "La lezione di Trump e del libero voto degli americani - aggiunge - è che si può vincere contro tutto e contro tutti, banchieri, lobbisti, giornalisti, cantanti".

 

La versione di Silvio Ma le parole di Salvini rilanciano, ancora un volta, lo scontro con il Cavaliere che sempre al Corriere ha detto: "Non penso che Salvini creda davvero che oggi il problema che interessa gli italiani, o anche solo i nostri elettori, sia il nome del leader. Prima bisognerà verificare e capire tante cose: come andrà il referendum e con quale legge elettorale si andrà a votare. È ingenuo immaginare di crescere politicamente soltanto esasperando i toni o alimentando le polemiche".

Non solo, mentre il leader leghista sale sul palco di Firenze, Berlusconi invia un saluto alla convention organizzata da Stefano Parisi a Padova: "Di fronte ai risultati di Renzi e alla palese incapacità di governare dei Cinque Stelle, toccherà a noi proporre al paese un'offerta politica di qualità, un progetto di governo serio, credibile e responsabile, che dovrà basarsi sui nostri valori di riferimento, quelli della tradizione liberale, cattolica, riformatrice. Solo noi, non i populismi, possiamo proporre un'alternativa seria ai fallimenti del centrosinistra. È per preparare questo che stiamo lavorando con grande impegno. A te, Stefano ho chiesto di svolgere un compito rilevante in questa prospettiva: coinvolgere e rendere protagonista - come stai facendo - un'area più ampia nella prospettiva di uno schieramento dei moderati vincente, ma è fondamentale che tutti noi lavoriamo insieme, perché ciascuno di noi ha una funzione importante da svolgere".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    09:09, 13 Novembre 2016

    NECESSARIE LE PRIMARIE

    Sono opportune le primarie, visti i voltagabbana, esistenti in seno al centrodestra, che fioriscono un giorno si e l'altro....pure. L'ultima di Parisi, e' di quelle, che fanno andare indietro le lancette dell'orologio a quando il traditore per antonomasia, dalla platea, dove era accomodato, per volonta' del suo Capo Berlusconi, disse la famosa sfacciata frase: "che fai, mi cacci?" . Per non parlare, poi dei diciassette dissidenti al Comune di Padova, che hanno provocato, masochisticamente, l'invio del Commissario, contro gli stessi appartenenti al proprio gruppo vincente, ecc.ecc.. Ecco, capisco benissimo che il cervello umano, non e' simile, tra ognuno di noi, pero', dovrebbe esistere una certa capacita' di discernimento, che metta in condizioni tutti gli appartenenti, allo stesso gruppo, di andare d'amore e d'accordo! O no? Ho gia' detto, che degli altri colori politici, non voglio parlare e non me ne frega alcunche'. Come di tutti quelli, che voltagabbanamente, sono stati eletti in un gruppo e poi, gli si sono rivoltati contro! Le giuste primarie, quindi, servirebbero a stabilire democraticamente, chi tra i Giovani, Capaci ed Onesti esistenti, in seno al gruppo, sia il piu' richiesto e votato, per poter poi assegnargli il comando delle operazioni e l'eventuale gestione del Paese e degli Italiani. Riepilogando quindi, siamo perche' il POPOLO, si manifesti sempre con il voto ed il proprio parere su tutto e su tutti. Poi, gli accostamenti a questo o quello, per me pari sono..

    Rispondi

    Report

  • mauro

    mattetti

    19:07, 12 Novembre 2016

    E' VERAMENTE ORA DI CAMBIARE !!!!

    Caro Berlusconi,ti devi fare da parte. Te lo dice,uno che ti ha seguito e benedetto,fin dal momento in cui scendesti nell'agone politico,per fare salciccie bruciate del comunismo e dei comunisti e te ne saro' eternamente grato. I soli resistenti,nei loro covi dei centri sociali,voluti dai rimasugli rossi,ancora in giro,non fanno paura piu' a nessuno,tanto piu' che l'ultimo baluardo,si e' tolto dalle scatole,andandosene a fare.... il senatore a vita. Adesso,e' giunta l'ora di combattere per la vera Liberta',che tutti gli Italiani auspicano: cacciare tutti i clandestini che occupano palazzi, hotel, giardini, metropolitane, covi, lungotevere e lungofiumi esistenti nel Paese. NON SE NE PUO' PIU'!!! E tu,caro Berlusconi,dall'alto della tua "sapiente" senilita',devi farti da parte e visto,che non perdi occasione,per fare distinguo,invece di spronare i bei puledri esistenti,che sono nientepopodimenoche Meloni e Salvini,stai zitto. Non costringere noi,insomma,a doverti richiamare all'ordine,per rispettare il ciclo naturale delle cose,che sei chiamato a rispettare anche tu. La vita passa, la Nazione resta ed ha bisogno di un Premier adeguato, giovane, capace, onesto, da scegliere, l'ho detto tra la signora Maroni ed il signor Salvini. Punto e basta. Le cariatidi ciarlanti ai talk show,i vecchi politici inutili ed inservibili,quelli che ti/ci hanno rovinato,si tolgano dalle scatole. L'Italia ed il Popolo Italiano,ieri,avevano gia' bisogno di altri utili servitori, non certo di voi!!!

    Rispondi

    Report