cerca

YES WE TRUMP

Sul web è già partita la campagna per Michelle Obama 2020

Presidenziali Usa Sul web è già partita la campagna per Michelle Obama 2020

Come si dice, morto un Papa, se ne fa un altro. E così, dopo la pesante sconfitta di Hillary Clinton, il partito Democratico pensa già al 2020. E a chi schierare per evitare che Donald Trump resti alla Casa Bianca per otto anni. Di moglie in moglie il candidato ideale già c'è. Sul web, infatti, è iniziata ufficialmente la campagna per portare alla presidenza degli Stati Uniti un'altra donna. E non una donna qualunque, ma quella che, fino ad oggi, ha rivestito il ruolo di first lady: Michelle Obama. L'hashtag per Twitter è già stato creato, #Michelle2020. Dopotutto, come insegna anche House of Cards, dietro una grande uomo c'è sempre una grande donna. Talvolta, però, la grande donna sta davanti. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    14:02, 16 Novembre 2016

    ILLUSIONE, DOLCE CHIMERA SEI TU....

    Questi si sono montati la capoccia! Obama e Michelle, non hanno fatto nulla per essere chiamati a proporsi come candidati (nella fattispecie, solamente la signora Michelle) per le....future elezioni del Presidente degli States! Figuriamoci, nel 2020!!! Praticamente una vita! Restera' comunque, da vedere, l'audience di cui godra', uno come Trump, che se riesce a completare, un decimo dei programmi promessi, nella campagna elettorale recente, rivince, non una volta, ma cento e uno volte! I giornali, sono logorroici ed i giornalisti che propongono queste boutades, fanno parte di quelli che non ci vogliono stare. La Democrazia e' un sentimento che pervade la pelle e tutto il corpo ne risente piacevolmente. Purtroppo, quelli che scrivono queste baggianate, non intendono la Democrazia come quanto appena descritto, loro, amano solamente la visibilita' ed il contest che procuri loro prebende e scranni. Quando uno vince le elezioni, come ha fatto Trump, DEVE POTER GOVERNARE ! Lo si lasci governare, poi, ma molto poi, se non avra' mantenuto le proprie promesse (come Obama, per esempio), lo si potra' cambiare con un altro candidato. Ma fino ad allora, si prega di non procurare fastidi, nemmeno a chi legge, pur se non votante dell'altra parte. In quel Paese meraviglioso, che sono States, la gente e' DEMOCRATICAMENTE consenziente, a che il Presidente degli Stati Uniti, repubblicano o democratico che sia, una volta eletto, DEBBA GOVERNARE per tutti, ma proprio tutti loro. Punto e basta

    Rispondi

    Report

  • giuseppe

    puddu

    14:02, 16 Novembre 2016

    Ma dietro una grande donna (tutto da dimostrare) c'è sempre una grande suocera...

    Rispondi

    Report

Opinioni