cerca

YES WE TRUMP

L'America scende in piazza contro Trump

Presidenziali Usa L'America scende in piazza contro il presidente Donald Trump

Sono passate poco più di 24 ore dal risultato ufficiale delle elezioni presidenziali americane. E gli Stati Uniti sono già in piazza contro il neoeletto Donald Trump. Inutili gli appelli all'unità e alla necessità di superare le divisioni, in molte città americane si registrano proteste e manifestazioni di piazza. A New York migliaia di manifestanti hanno invaso le strade del centro di Manhattan marciando fino davanti alla Trump Tower sulla Fifth Avenue. Alcuni hanno anche bruciato maschere ed effigi che rappresentavano il volto del nuovo presidente.

Altre centinaia di persone si sono riunite invece in un parco della Grande Mela gridando "Non è il mio presidente". Secondo i media locali, almeno 30 manifestanti sono stati arrestati a Manhattan.

A Oakland, in California, un corteo con 6 mila partecipanti ha paralizzato il traffico. Sono stati lanciati oggetti contro la polizia in assetto antisommossa, bruciati rifiuti e rotte le vetrine dei negozi. Gli agenti hanno risposto lanciando gas lacrimogeni.

Nel centro di Chicago, circa 1.800 persone si sono radunate fuori al Trump International hotel e tower gridando "NO Trump. No Ku Klux Klan, No razzismo in Usa". La polizia ha chiuso le strade intorno al centro bloccando il corteo. A Los Angeles i manifestanti seduti sulla Hollywood Freeway hanno bloccato il traffico sfidando le forze dell'ordine.

A Seattle, la polizia è intervenuta in una sparatoria che ha provocato 5 vittime vicino al luogo delle proteste anti-Trump. Le autorità hanno confermato che l'incidente non era legato alla manifestazione. I dimostranti hanno protestato soprattutto contro l'idea del neopresidente di costruire un muro con il Messico per fermare l'ingresso di migranti in forma illegale.

In centinaia si sono riuniti anche a Philadelphia, Boston e Portland, in Oregon. Ad Austin, in Texas, erano circa 400 le persone scese in strada.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mario

    rossi

    09:09, 10 Novembre 2016

    Questa e`la democrazia dei democratici.

    Esattamente come in Italia, se non sei del PDI, automaticamente diventi razzista, fascista, xenofobo, antidemocratico. Seguendo questo metodo, da intolleranti veri, sono proprio i cosiddetti democratici, quelli davvero antidemocratici. Quando i centri sociali si definiscono "democratici", allora mi compiaccio di essere definito fascista, razzista, xenofobo, anche se non lo sono affatto. Ma mi piace essere distinto, assolutamente non confuso, con queste bestie.

    Rispondi

    Report

Opinioni