cerca

IL DERBY DELLA STORIA

Ma quale 1900 La Lazio è nata dopo

Ma quale 1900 La Lazio è nata dopo

Quando è nata la Lazio? Quand’è che la Lazio ha portato il calcio a Roma? Lo ha portato? Non è una provocazione, è una domanda: la Lazio, la Lazio calcio, la Lazio che poi sarà di Pastore, Giordano, Manfredonia, Vinazzani, Capocchiano eccetera, quando è nata? Non si sa. Sulle origini della Lazio si sono scritte pagine e pagine di ricostruzioni, nomi, sedi, eventi, eppure nessuno è mai riuscito a stabilire con precisione quando la società biancoceleste ha avviato la sua attività calcistica.
Il compleanno che tutti i laziali festeggiano fa riferimento a una data solo indirettamente legata al club per come lo si intende oggi: il 9 gennaio 1900 nacque la Polisportiva Lazio, che allora era una società podistica. Questo è indubbio, conclamato, accertato, stranoto, non ci sono speculazioni da fare. La Lazio nasce come Podistica il 9 gennaio 1900 al Pippanera, tanto che su Il Messaggero del giorno dopo si legge: «Ieri, per opera di alcuni volenterosi giovani è stata fondata una società di sport pedestre (sic) denominata Lazio. Essa, a somiglianza delle consorelle Milano, Torino, Genova, si ripromette un’attiva propaganda in favore di questo sport tanto utile a tutti in specie poi alla gioventù. Saranno in essa bandite giornate di corsa e di marcia, gita di allenamento ed infine si avrà in Roma una sezione dell’Audax podistico italiano che ha sede in Milano. Il numero di soci è di garanzia che questo sport avrà lo sviluppo che merita. Intanto la sede provvisoria della società è in via degli Osti n. 15, primo piano, dove si dovranno rivolgere tutti coloro che desiderano informazioni». Di calcio, football, pallone, cuoio non c’è alcuna traccia. Non c’è una riga. Non c’è niente. La Lazio che avrebbe portato il calcio a Roma s’è scordata però di portare il pallone. I 9 ragazzi che parteciparono alla fondazione della società podistica furono: Giacomo Bigiarelli, Odoacre Aloisi, Arturo Balestrieri, Alceste Grifoni, Giulio Lefevre, Galileo Massa, Alberto Mesones, Enrico Venier capeggiati dal sottufficiale dei Bersaglieri Luigi Bigiarelli. La prima gara in cui partecipano i podisti della Lazio e di cui si ha conoscenza è del 21 aprile 1900: il giro di Castel Giubileo, una marcia sui 20 chilometri che parte da Porta Pia per finire a Porta del Popolo. E le porte? E il pallone di cuoio? E i gol? Boh. Non c’è dato saperlo con precisione. Perché le fonti laziali (wikilazio, sslazio.nonso eccetera) fanno risalire l’inizio dell’attività calcistica della SS Lazio, quindi la nascita della Lazio, in un imprecisato giorno di gennaio ma del 1901 (quindi già un anno almeno l’abbiamo perso) quando - leggete, leggete quale validità storiografica! - Bruno Seghettini si sarebbe presentato nella sede della Podistica pedestre Lazio portando con sé un pallone di football. Qualcuno dice fosse il 6 gennaio 1901: era la Befana? No, poca ironia, Bruno Seghettini era un socio del Racing Club Paris, una società della capitale francese i cui iscritti praticano anche il calcio, e volle far conoscere ai soci biancocelesti il nuovo gioco che andava diffondendosi in Europa e che i 9 fondatori della Podistica evidentemente non conoscevano. Questo non lo scriviamo noi, lo dicono loro. Secondo gli storici laziali (gli stessi che s’inventano che la Roma è nata in B, che vorrebbero uno scudetto che non solo non hanno vinto sul campo, ma di cui nemmeno la finale o la semificnale hanno giocato!) la Lazio che poi avrebbe giocato 11 (facciamo 12) campionati di B, uno spareggio per non andare in C, sarebbe nata il 6 gennaio del 1901 perché Seghettini Bruno, socio del Paris, era andato nella sede della Podistica. E i documenti? E le registrazioni? Spesso i laziali ironizzano coi romanisti perché - dicono loro - «non sapete nemmeno se siete nati il 7 giugno o il 22 luglio». Però ciò che è certo è che il 7 giugno c’è stata la riunione definitiva che ha portato alla nascita dell’AS Roma (la documentazione è sterminata), e che il 22 luglio è la data del primo ordine del giorno dell'AS Roma. Quella fra romanisti è casomai un altro tipo di discussione, ma avendo documentazioni e riscontri, sapendo di cosa si parla e che sicuramente stavamo nell'estate del 1927. Qui non si sa niente, a parte Seghettini. Perché l’unica certezza è che soltanto nel 1910 la Polisportiva laziale ha istituito una vera e propria sezione calcistica, affiancando quelle molto attive per la corsa e la ginnastica. Una verità incontrovertibile che non piace agli storici di fede laziale. Alcuni, ad esempio, sul blog sslazio1900caputmundi spiegano: «La verità, che la propaganda giallorossa omette volutamente, è che la Lazio istituì la sezione 10 anni dopo la sua fondazione, pur giocando regolarmente al gioco del calcio dal gennaio 1901, per un motivo ben preciso e storico. Nel 1910 infatti, l’Antica Federazione Italiana del Football, si riorganizzò cambiando la denominazione in FIGC, chiedendo, per l’affiliazione ufficiale, di creare una sezione preposta ai clubs che non l’avessero ancora regolarizzata, pur avendola. La Lazio era uno di quei club che non l’aveva e a quel punto l’istituì per l’affiliazione alla Federazione». Lo dite voi. Quindi, ricapitolando: il 9 gennaio nasce la SS Podistica Lazio. Secondo i laziali un pomeriggio di gennaio, ma del 1901, perché Bruno Seghettini ha fatto visita alla sede nasce la Lazio Calcio, secondo anche le loro fonti, però, la Lazio calcio nasce ufficalmente nel 1910 anche se già prima si giocava a pallone. Che volemo fa? Quando siete nati? È solo una domanda. Pe sape' quando favve l'auguri. De core.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Guido

    Rossi

    15:03, 03 Novembre 2017

    Pippanera e soci

    Tre cose che mi hanno colpito di questo articolo: 1. nel lontano 1900 nasce una polisportiva a ROMA e la chiamano Lazio (bho...) e nessuno che spieghi come mai, chi volevano rappresentare etc 2. la casa della Lazio neo-fondata era il... Pippanera !!! ma perchè l'hanno fondata proprio in quel posto, non si rendevano conto? potevano fondarla in una trattoria che era meglio? No dico vi immaginate la telecronaca: "qui al Pippanera sono di casa i volenterosi podisti della Lazio...etc" 3. quando finalmente la Lazio si interessa al calcio, chi lo introduce? il sig. Seghettini !!! aridanghete, è proprio tradizione allora! ma non poteva introdurlo che ne so, il sig. Rossi, il sig. Bianchi, niente! è stato proprio Seghettini! tradizioni, oppure solo sfiga. Anche qui immagino interviste alla radio tipo: "Caro Seghettini, benvenuto al Pippanera, che è quella palla che porta con se?" etc etc

    Rispondi

    Report

  • Diego

    Conti

    13:01, 23 Ottobre 2017

    I mistificatori della verita.Ci sono documenti storici cartacei che provano ogni cosa sui natali DELLA SS LAZIO.L UNICA VERA SQUADRA DI ROMA OLTRE CHE ESSERNE LA PRIMA E L UNICA,DI QUESTA CITTA.

    Rispondi

    Report

  • pino

    12:12, 28 Agosto 2017

    Imparare e studiare

    Caro Proietti, Io capisco che rosicà è nella vostra natura, ma almeno no ti inventare nulla, se come dici tu, almeno dalle tue ricostruzioni (peraltro fantasiose, ma di questo tutta Italia lo sa) emerge che a Roma chi giocava a Football (come se dice a Roma er pallone) era la Lazio, e ti faccio sempre notare che, i tuoi avi tifavanop Lazio perchè la TUA Roma non esisteva fino al 1927, come dici giustamente, ma la data di nascita non ce l'avete perchè semplicemente non avete, ancora, depositato in FIGC il vostro statuto quindi, come da regolamento Federale, siete anche fuorilegge. Impara e studia, prima di parlare degli altri, conosci bene la storia della Tua Roma. Saluti Laziali Pino

    Rispondi

    Report

Mostra più commenti

.tv

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino

A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada
Matteo Salvini a Il Tempo: "Il campo di via Salone va eliminato"