cerca

FALCE E CARRELLO

Esselunga, l'ultimo desiderio di Bernardo Caprotti: Non vendete ai comunisti

Esselunga, l'ultimo desiderio di Bernardo Caprotti: Non vendete ai comunisti

caprotti

Sono sempre stati i suoi "nemici". Al punto che, nel 2007, Bernardo Caprotti decise di dare alle stampe un libro "Falce e carrello" dedicato proprio alla lotta ingaggiata con le cosiddette Coop rosse e ai meccanismi che queste avevano messo in atto per impedire l'espansione di Esselunga. Oggi Caprotti non c'è più, è morto lo scorso 30 settembre (proprio oggi avrebbe compiuto 91 anni), ma fino all'ultimo l'inventore della grande distribuzione ha mantenuta intatta la sua avversione per il mondo cooperativo.

Al punto da indicare chiaramente, nelle 15 pagine che costituiscono il suo testamento, una cosa che i suoi eredi non dovranno mai fare: vendere Esselunga alle coop. Caprotti ha lasciato il 70% della società alla moglie Giuliana Albera e alla figlia Marina Sylvia, mentre ha diviso il resto (30%) in parti uguali tra gli altri due figli di primo letto, Violetta e Giuseppe. Ed è a loro che scrive: "Ho preso una decisione di fondo per il bene di tutti. In primis le decine di migliaia di persone i cui destini dipendono da noi ma anche per una relativa pace familiare. Almeno non ci saranno le lotte, o saranno inutili, le aziende non saranno dilaniate". Poi la raccomandazione: in caso di una vendita (cosa che a questo punto diventa altamente probabile ndr) "non cedete mai al mondo della distribuzione cooperativa". 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Augusto

    Paci

    09:09, 08 Ottobre 2016

    Bravissimo Caprotti!!!

    Uomo e imprenditore esemplare, Bernardo Caprotti benissimo ha fatto a mettere il divieto assoluto di cedere la sua bellissima azienda ai compagni. Per proteggere le loro coop, assai più care e meno efficienti di Esselunga, come al solito, i compagni hanno sempre vergognosamente boicottato Caprotti in tutti i centri da loro amministrati. Ne è esempio Livorno,dove Esselunga non ha potuto aprire per 50 anni e, soltanto con il cambio di amministrazione ai 5 stelle, aprirà un supermercato il prossimo anno!! Questa è la democrazia rossa!!!

    Rispondi

    Report

Opinioni