cerca

LA POLEMICA

Coldplay in concerto a San Siro. I biglietti finiscono in Procura

Coldplay in concerto a San Siro. I biglietti finiscono in Procura

I Coldplay

I biglietti dei Coldplay finiscono alla Procura di Milano. Alle 10 di stamattina sono stati messi in vendita online i tagliandi per il concerto in programma a Milano il prossimo 3 luglio. Pochi minuti ed è stato subito sold out. Tanto che la band inglese ha deciso di rilanciare con un secondo live, sempre a San Siro, il 4 luglio. Ma di nuovo solo i più veloci sono riusciti ad accaparrarsi l’ambito tagliando. Ormai, sui circuiti ufficiali, è impossibile trovare un ingresso per una delle due date, nonostante il prezzo non certo economico degli ingressi che vanno da 46 a 109 euro.
La cosa non è passata inosservata alle associazioni dei consumatori. Il Codacons ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Milano affinché vengano appurate eventuali ipotesi di reato. «Non sorprende tanto il sovraccarico del sito Ticketone al momento dell’apertura delle pre-vendite - dichiara il Codacons - Quel che sorprende è che alcune agenzie siano riuscite ad accaparrarsi migliaia di biglietti mentre il pubblico poco o nulla. Oggi che i biglietti sono disponibili per tutti non ce ne sono più. Il motivo? Li hanno presi tutti le agenzie. L’unica soluzione sarebbe acquistarli dagli altri rivenditori online. Ma qui iniziano i dolori. I prezzi originali previsti dal sito Ticketone erano i seguenti: 46 euro per gli anelli verde e blu, tra i 57 e i 98 quelli degli anelli più bassi e per il prato, 109,25 il posto più ambito, quello dell’anello rosso numerato. Prezzi decisamente in linea con tutti i grandi concerti che si tengono a Milano».
La questione ha coinvolto anche l’associazione Altroconsumo che ha inviato una segnalazione di pratica commerciale scorretta all’Autorità garante per la Concorrenza del mercato. «Sia dalle segnalazioni che dalle prove che abbiamo effettuato - sostiene Altroconsumo - tutti i biglietti disponibili erano già esauriti nel giro di pochi minuti e, durante tutta la fase di scelta e acquisto del biglietto, il sito presentava enormi difficoltà di accesso e navigazione».
Nel frattempo su Facebook non manca l’ironia. È stata aperta la pagina «Ascoltare il concerto dei Coldplay dal parcheggio» dove si susseguono battute sull’alto prezzo dei biglietti e sul fatto che per la maggior parte dei fan dei Coldplay sarà più facile assistere al concerto per «poveri» fuori dallo stadio che non entrare. E chissà che prima dell’8 luglio, quando Chris Martin & compagni saranno a Dublino, ci siano il tempo, lo spazio e la voglia di accontentare i seguaci italiani del gruppo. Stavolta magari con prezzi più accessibili.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni