cerca

LA RIVOLTA DEI MANDARINI

«Sui dirigenti Renzi fa l’americano. Ma sbaglia»

Intervista a Beato (Nuova Etica Pubblica): «La riforma Madia si ispira al sistema dello spoil system Usa. Che è stato soppresso 130 anni fa»

«Sui dirigenti Renzi fa l’americano. Ma sbaglia»

A__WEB

Il governo Renzi con la riforma Madia per la dirigenza pubblica cerca di imitare il modello Usa dello spoil system all’americana. Il problema è che scimmiottiamo quello che fanno gli altri paesi, e copiamo pure male. Perché negli Stati Uniti solo il 10% dei dirigenti esce con gli scatoloni dagli uffici quando cambia il presidente» spiega a I l Tempo , Giuseppe Beato, dirigente generale in pensione, responsabile editoriale del sito web dell’Associazione Nuova Etica Pubblica.

Ma come così ci fa crollare un mito?

«Abbiamo fatto una ricerca sulla legislazione federale americana. Dati alla mano emerge che lo spoil system in Usa non esiste più da 130 anni. Da quando cioè la legge Pendleton Act abolì la facoltà dei presidenti di cambiare tutta l’amministrazione al suo ingresso alla Casa Bianca. Per entrare fu introdotto il concorso pubblico e i licenziamenti possibili per motivi disciplinari e per scarso rendimento. Si passo al sistema del merito .

E i capi che escono con gli scatoloni?

«Vale solo per le corporation private e per i vertici dell’amministrazione. Il presidente può nominare i suoi uomini di fiducia solo nelle più alte cariche e cioè a capo delle agenzie e comunque sempre con un atto di consenso del Senato. Ma si tratta del 10% delle persone. Il restante 90% sta all’interno di una lista che si chiama Senior Executive service.

 

 

VUOI CONTINUARE A LEGGERE? CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500