cerca

note "stonate"

Cottarelli canta Battisti a Radio Rock. E sui migranti: “Ne abbiamo bisogno"

L’economista reinterpreta “Per una lira” contro l’uscita dall’euro e si dice favorevole allo ius soli

Radio Rock 106.6 continua il suo tour canoro per sondare i pareri dei politici nostrani sullo scottante tema dell’immigrazione. Questa volta - dopo Luigi De Magistris e Cécile Kyenge - a finire davanti ai microfoni del Karaoke Reporter Dejan Cetnikovic è stato Carlo Cottarelli. L’ex premier incaricato ha messo alla prova le proprie corde vocali con un brano di Lucio Battisti: “Per una lira”. Impossibile non collegarlo alle diverse proposte partitiche di ritorno alla nostra vecchia moneta: “Sarebbe un errore. Un po’ come buttare via tutti i sogni di un’Europa unita”. Sui migranti, poi, Cottarelli ha espresso un giudizio netto: “Siamo un Paese che ha bisogno di un’immigrazione regolare e sono anche a favore dello ius soli”. A suffragio di questa idea, l’economista ha precisato: “Basti pensare a tanti lavori nella Pianura Padana, come chi munge le mucche. Questi lavori non li fanno più gli italiani, quindi abbiamo bisogno di qualcuno che li faccia”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie