cerca

Dispositivi mobile: secondo Norton più vulnerabili in Europa e Italia

La ricerca: un europeo su dieci vittima di crimini informatici. In pochi usano password e protezioni.

Dispositivi mobile: secondo Norton più vulnerabili in Europa e Italia

Smartphones

Norton by Symantec ha pubblicato nuovi approfondimenti sull’utilizzo dei dispositivi mobili e sui comportamenti degli utenti europei. I risultati rivelano che, nonostante gli adulti attribuiscano la massima importanza ai propri dispositivi mobili, sono in pochi a prendere le precauzioni necessarie per mantenere al sicuro i dispositivi e il relativo contenuto. Partendo dai dati del report, gli utenti europei oggi vivono vari aspetti della propria vita professionale, sociale e online utilizzando i dispositivi mobili. Dalla navigazione del web al download di app, dagli acquisti ai pagamenti dal dispositivo mobile, il 37% degli utenti mobili italiani, e il 34% di quelli europei, ha dichiarato che non rinuncerebbe mai al proprio dispositivo. Inoltre, il 37% degli utenti del Belpaese, percentuale che scende al 24% tra gli intervistati europei, ha indicato che sarebbe uno dei due effetti personali che metterebbe in salvo in caso di incendio.

 

I dispositivi mobili: una miniera di informazioni personali e riservate. Anche se sempre più persone vivono sempre più connesse tramite i dispositivi mobili, in molti non adottano le misure necessarie per proteggere il dispositivo e il relativo contenuto. Benché la maggior parte (69%) degli utenti mobili europei, abbia dichiarato di archiviare e consultare informazioni riservate sui propri dispositivi mobili, più di un terzo (35%) ha ammesso di non utilizzare alcuna password per proteggere i dati personali. Per quanto riguarda l’Italia i dati sono più o meno in linea con quelli europei: il 73% degli intervistati accede o salva informazioni sui dispositivi mobili, mentre il 36% ha ammesso di non utilizzare nessuna password per proteggere le proprie informazioni. In caso di furto o smarrimento, può cadere nelle mani sbagliate una grande quantità di dati personali, incluse le email presenti sul dispositivo, che rappresentano una potenziale porta d’accesso ad altre informazioni riservate, come documenti e corrispondenza di lavoro, password di altri account online ed estratti conto. La ricerca rivela, inoltre, che la perdita di un dispositivo mobile è una situazione comune, che comporta costi elevati e rappresenta una fonte di stress per le persone. Tre europei su dieci hanno smarrito o subito un furto del proprio dispositivo mobile, con un costo medio di 122 euro per la sostituzione o l’utilizzo temporaneo di un cellulare e quasi il doppio (233 euro) per la sostituzione di un tablet. Nel caso dell’Italia il 36% degli utenti intervistati ha dichiarato di aver perso o subito un furto di un device mobile, con un costo medio di 194 euro per la sostituzione o utilizzo temporaneo di un cellulare e 211 euro per la sostituzione di un tablet. In caso di perdita del cellulare, gli utenti europei indicano di essere particolarmente preoccupati dai costi che potrebbero dover sostenere per le telefonate (43%), dal fatto che vengano contattate le persone nella rubrica (26%) o che vengano effettuati acquisti con il telefono perso o rubato (26%). In Italia la preoccupazione maggiore per il 30% degli intervistati è che si possano contattare le persone presenti in rubrica. Lo studio di Norton rivela inoltre alcune sorprendenti differenze tra i paesi europei in relazione agli atteggiamenti nei confronti delle attività in mobilità e delle informazioni che le persone desiderano archiviare o consultare nei dispositivi mobili:

 

- Il 24% degli italiani e il 32% dei polacchi hanno dichiarato di sentirsi al sicuro quando effettuano acquisti dal proprio dispositivo mobile, mentre la percentuale scende tra gli utenti tedeschi (13%) e russi (15%).

- Gli italiani (21%) sono poi più propensi ad archiviare informazioni sui propri conti bancari nei dispositivi mobili rispetto alla media europea (16%)

 

 

I rischi associati all'utilizzo di dispositivi mobili e reti Wi-Fi non protette. L'utente medio europeo rivela la mancanza di un'adeguata protezione dei dispositivi mobili. Due utenti di dispositivi mobili su cinque in Europa ammettono di non scaricare sempre applicazioni da origini attendibili – circa il 41% degli utenti italiani intervistati afferma lo stesso - e più di un terzo ha dichiarato di non utilizzare metodi di pagamento protetti quando effettua acquisti dal proprio dispositivo mobile – questo vale per il 31% degli italiani intervistati, mettendo a rischio informazioni riservate come i dati relativi alle carte di credito. Di fatto, in base ai risultati della ricerca, un utente mobile europeo su dieci è già rimasto vittima di crimini informatici su dispositivi mobili.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni