cerca

Attacchi a Sony e Nintendo, arrivano le prime condanne per i pirati LulzSec

Gli stessi Hacker avrebbero colpito anche Cia, Fbi e Soca. Il 14 maggio saranno giudicati a Londra.

Attacchi a Sony e Nintendo, arrivano le prime condanne per i pirati LulzSec

Haker

Prime confessioni e, in breve tempo, prime sentenze negli UK per alcuni membri del gruppo hacker "LulzSec", arrestati nel marzo 2012 e coinvolti in sabotaggi ai siti di Sony e di Nintendo, nonché alla britannica Serious Organised Crime Agency (Soca), alla Cia e al Senato degli Stati Uniti. Ryan Ackroyd, 26 anni, Jake Davis, 20, e Mustafa al-Bassam, 18, si sono dichiarati colpevoli di pirateria informatica di fronte alla Southwark Crown Court di Londra. Conosceranno la condanna il 14 maggio insieme a Ryan Cleary, già reo confesso e primo ad essere arrestato nel giugno del 2011 . Il gruppo di pirati informatici, secondo alcuni analisti del settore, nato da una costola del più strutturato Anonymous, si è confermato composto da elementi giovanissimi, che hanno forse pagato una certa spregiudicatezza tipica dell’età. In attesa del giudizio, però, qualcuno ha già pagato: infatti Sony, per essersi dimostrata troppo poco attenta ai sistemi di sicurezza con cui avrebbe dovuto difendere i dati dei suoi utenti, ha dovuto far fronte ad una multa di circa 300.000 euro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni