cerca

OSTERIA DELL'ELEFANTE A TORRE IN PIETRA

A cena dove passeggiavano gli elefanti

A cena dove passeggiavano gli elefanti

Mangiare in mezzo alla campagna romana tra i resti fossili degli elefanti che 400mila anni fa popolavano la zona del Castello di Torre in Pietra.  E' la nuova proposta di Filippo Antonelli, produttore di vini nelle vigne attorno al Castello, alle porte di Roma, oltre che a Montefalco e nel Chianti nell'area delle Colline Senesi. L'Osteria dell'Elefante ( e non poteva chiamarsi altrimenti) si trova in un grotta proprio accanto alle cantine con le quali è collegata da un lungo corridoio scavato nel tufo. E proprio qui, durante i lavori a inizio secolo, fu ritrovata una zanna di mammuth. Oggi purtroppo è rimasta solo l'impronta mentre il reperto è stato trafugato dai soldati tedeschi durante le ritirata alla fine della guerra.  Il menu varia a seconda delle stagioni ed è preparato il più possibile con prodotti biologici e locali, in parte coltivati nella stessa azienda agricola del Castello: verdure, ceci, farro, pasta di farro, olio extravergine d’oliva. Anche il cuoco, Marco Di Luca, è a <chilometro zero> visto che è nato a Ladispoli prima di mettersi a girare l'Europa e l'Italia per farsi le ossa. Tra i i locali dove ha lavorato la Brasserie Blanc di Bristol, l’Antico Arco sul’Aurelia, l’hotel Parco dei Principi in via Frescobaldi, la Vinosteria di via dei Sabelli. In carta il cliente trova ricette come i cannoli ripieni di baccalà gratinati con crema di ceci, i tonnarelli alla carbonara di porcini, il galletto cotto a bassa temperatura e ripieno di patate al rosmarino e la crema di peperoni o il filetto di maiale in crosta di patate gratinate con crema di cedro e arance candite. Come antipasto c'è il  Tagliere dell'Elefante (bruschetta con mousse di fegato e arance, formaggi misti della Tuscia, prosciutto semidolce Reatino, porchetta fatta in casa, anatra in oleocottura, flan di melanzane e ricotta, coppa Reatina), mentre fra i dolci il  Tiramisù al bicchiere o un semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco. Pane e dolci fatti in casa. La carta dei vini è interamente biologica e comprende tutte le etichette delle tre cantine di famiglia, tutte certificate Bio.  Aperto a pranzo Lunedì-Domenica; a cena Venerdì-Sabato. Chiuso Mercoledì.

Via di Torre in Pietra 247, loc.Torre in Pietra, Fiumicino tel 06.61697070 www.castelloditorreinpietra.it

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello