cerca

la sindaca che non vede, non sente e straparla

A sua insaputa

A sua insaputa

Virginia Raggi

La Raggi non ha preso bene il nostro giochetto di invertire i ruoli, farla tornare consigliere d’opposizione, attaccare con scarso garantismo (al sindaco Marino portò arance in conferenza stampa) sia la giunta capitolina sia il partito di maggioranza coinvolti in Stadiopoli. Non ha gradito gli attacchi al «Sistema Raggi» portati da altri media e con una certa tenerezza è tornata a evocare complotti nonché attacchi alla sua persona perché, udite udite, scomoda e pure femmina. Anche stavolta, come con Marra, si è detta estranea ai fatti quando nessuno le ha contestato giudiziariamente il contrario. E comunque nonostante i continui inciampi in Campidoglio e il noto processo in corso, non ha ancora capito che c’è differenza fra responsabilità penale e politica. La sindaca che non vede, non sente e straparla quand’è nei guai, ieri non s’è nemmeno accorta dell’ok alla mozione per intitolare una strada ad Almirante. «Quando si votava ero fuori». Sindaca a sua insaputa. (gmc)

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie