la rivelazione

Strage in Florida, l'Fbi ammette: "Sapevamo ma non abbiamo agito"

La segnalazione su Nikolas Cruz non si è trasformata in indagine

Il 5 gennaio l’Fbi ha ricevuto una segnalazione su Nikolas Cruz, l’autore della strage nel liceo di Parkland, in Florida. Per il mancato rispetto dei protocolli, però, la segnalazione non si è trasformata in un’indagine che avrebbe potuto bloccare il 19enne prima dell’azione compiuta mercoledì. Eppure, qualcuno aveva avverito i federali che il teenager manifestava l’intenzione di compiere una carneficina. L’Fbi, in una nota, «spiega che il 5 gennaio 2018 una persona vicina a Nikolas Cruz ha contattato la Public Access Line (PAL)» del bureau «per manifestare preoccupazioni» relative al giovane. «L’autore della chiamata ha fornito informazioni relative al possesso di un’arma da parte di Cruz, al desiderio di uccidere persone, al comportamento irregolare, ai post inquietanti sui social media e all’eventualità che potesse compiere una strage in una scuola». «Secondo protocolli stabiliti, l’informazione fornita dall’autore della chiamata avrebbe dovuto essere valutata come una potenziale minaccia alla vita» di altre persone. «L’informazione avrebbe dovuto essere inoltrata all’ufficio dell’Fbi a Miami, dove avrebbero dovuto essere compiuti gli opportuni passi investigativi».

«Abbiamo determinato che questi protocolli non siano stati seguiti in relazione all’informazione ricevuta attraverso la PAL il 5 gennaio. L’informazione non è stata sottoposta all’ufficio di Miami e all’epoca non è stata condotta nessuna indagine ulteriore», si legge nel comunicato. «Stiamo ancora indagando sui fatti. Sono impegnato ad arrivare fino in fondo all’accaduto in questa vicenda», ha detto il direttore del Bureau, Christopher Wray, facendo riferimento anche alla «revisione dei nostri processi per rispondere alle informazioni che riceviamo dal pubblico. Sta agli americani mantenere un atteggiamento vigile e quando i membri della comunità ci contattano con preoccupazioni, dobbiamo agire in maniera appropriata e rapida», ha aggiunto il numero uno dell’Fbi. «Abbiamo parlato con le vittime e con le famiglie, ci dispiace immensamente per il dolore supplementare che tutto questo causa a chi è stato colpito da questa terribile tragedia. Tutti gli uomini e le donne dell’Fbi sono impegnati per garantire sicurezza al popolo americano e si spendono senza sosta per migliorare quello che facciamo e il modo in cui agiamo».

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.