cerca

VITTORIA LEGISLATIVA

Il Senato Usa approva la riforma fiscale. E Trump ringrazia i repubblicani

Il Senato Usa approva la riforma fiscale. E Trump ringrazia i repubblicani

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato la riforma fiscale promossa dal presidente Donald Trump, che prevede la maggior riduzione delle imposte degli ultimi 30 anni. Il Senato ha approvato la versione del testo con 51 voti a favore, tutti di rappresentanti repubblicani, e con 49 contrari. Unico membro del partito Gop a esprimersi contro la misura è stato il senatore Bob Corker. Il voto è iniziato all'1.36 locale, 7.36 italiane, dopo circa dieci ore di dibattito e quattro votazioni di emendamenti. L'approvazione avvicina Trump alla sua prima vittoria legislativa, dopo la débâcle registrata nell'estate con la riforma sanitaria che avrebbe dovuto sostituire l'Obamacare, una delle sue principali promesse elettorali.

Il presidente ha poi twittato: "I maggiori (...) tagli alle tasse nella storia sono appena stati approvati al Senato, ora questi grandi repubblicani andranno verso l'approvazione finale. Grazie ai repubblicani alla Camera e al Senato per il vostro duro lavoro e impegno!". Nelle sue parole si legge un elogio ai membri del suo partito per aver messo da parte le loro divergenze.

I leader repubblicani al Senato dovranno ora conciliare il testo approvato con i colleghi della Camera, che hanno una propria versione la quale prevede alcune differenze. Questo, prima che Trump possa promulgare la sua agognata riforma fiscale. La legge che prenderà forma da questi negoziati dovrà poi essere di nuovo votata da entrambe le camere. L'ambiziosa riforma fiscale di Trump prevede un aumento del debito pubblico pari a 1,5 miliardi di dollari nel corso di un decennio, con l'obiettivo di rivitalizzare l'attività economica e accelerare la crescita annuale del Paese sopra il 3%. L'asse centrale della proposta repubblicana è la riduzione delle tasse alle imprese, portata dal 35% al 20%, che il Senato prevede per il 2019 e la Camera vuole sia immediata. Inoltre, punta a semplificare le tranche fiscali ai privati, passando da sette a quattro: del 12%, 25%, 35% 3 39,6%.

Sebbene il progetto preveda tagli alle tasse per famiglie e persone, il Congressional Budget Office ha affermato nella sua ultima stima che solo il 44% degli americani otterranno una riduzione annuale di più di 500 dollari. Da parte sua, il presidente della Camera Paul Ryan ha invece assicurato che la riforma farà risparmiare 1.182 dollari l'anno alla famiglia media. Con l'approvazione della riforma fiscale, i repubblicani hanno anche introdotto un emendamento che elimina l'obbligo di acquisire un'assicurazione medica, come previsto dall'Obamacare dell'ex presidente Obama. E questo potrebbe far salire i costi per le persone che sceglieranno invece di sottoscrivere polizze.

La riduzione fiscale, che riguarda per l'appunto soprattutto le imprese e i ricchi, è la maggiore da quella del 1986 dell'allora presidente Ronald Reagan. In quell'occasione la riforma fu approvata all'unanimità dalla Camera e al Senato con 97 voti a favore e 3 contrari. Con la riforma fiscale quasi "in mano", i repubblicani potranno ora affrontare con più fiducia le elezioni del 2018, che saranno un test per l'amministrazione Trump.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello