cerca

VIOLATA LA PRIVACY

Uber, gli hacker rubano i dati di 57 milioni di utenti

L'amministratore delegato: "Impareremo dai nostri errori"

Uber, gli hacker rubano i dati di 57 milioni di utenti

La piattaforma di trasporto condivisa Uber ha rivelato che alla fine del 2016 sono stati hackerati i dati di 57 milioni di utilizzatori nel mondo e quelli di 600mila autisti. A dirlo l'amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, che è entrato in carica lo scorso agosto e che ha parlato di onestà e trasparenza con la volontà di "lavorare per riparare gli errori del passato". L'agenzia Bloomberg ha affermato che Uber, nonostante abbia l'obbligo legale di informare le autorità in merito all'attacco informatico, avrebbe pagato 100mila dollari agli "hacker" per eliminare i dati ottenuti e mantenere il silenzio su quanto accaduto. 

Khosrowshahi ha chiarito che gli esperti non credono che gli hacker abbiano ottenuto la carta di credito o il numero di una banca, i dati di sicurezza sociale o le cronologie di viaggio degli utenti. Sempre secondo Bloomberg, Uber ha licenziato il capo dell'ufficio di sicurezza, Joe Sullivan, e uno dei suoi subordinati per aver mantenuto il segreto sull'incidente. "Nulla di ciò sarebbe dovuto accadere e non ho intenzione di scusarmi. Anche se non posso cancellare il passato, posso impegnarmi a nome di ogni dipendente Uber che impareremo dai nostri errori", ha aggiunto Khosrowshahi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello