cerca

IL SISMA DI MAGNITUDO 7.1

Messico devastato dal terremoto: 248 morti. Strage di bambini nella scuola crollata

Si aggrava ulteriormente il bilancio del forte terremoto in Messico.  Sono almeno 217 i morti per il sisma di magnitudo 7,1 della scala Richter che ha colpito il Messico, devastando la capitale e le regioni circostanti. Si teme che il bilancio finale possa arrivare fino a mille vittime, come ha stimato l'agenzia americana Usgs. Mentre si scava tra le macerie alla ricerca dei superstiti, quasi quattro milioni e mezzo di persone sono senza elettricità. La situazione più drammatica in una scuola elementare crollata a Coapa, a sud-est di Città del Messico: 26 bambini sono morti e 30 sono dispersi, ha riferito il presidente messicano Enrique Pena Nieto, per il quale ora la priorità è salvare il maggior numero di vite possibile. Nel crollo sono morti anche quattro insegnanti e altre 8 persone sono disperse. 

Il dato aggiornato è di 217 morti, di cui 86 nella città-stato di Citta' del Messico (sono 40 i palazzi crollati nella capitale), 71 in Morelos, 43 in Puebla, 12 nello Stato del Messico, 4 in Guerrero e uno a Oaxaca. Lo riferisce il coordinatore nazionale della Protezione Civile Luis Felipe Puente su Twitter. In precedenza il ministero dell'Interno aveva parlato di 248 morti, ma la cifra è stata rivista al ribasso dalla Protezione civile.

Migliaia di persone terrorizzate, poco dopo le 13 di ieri, si sono riversate in strada per sfuggire agli edifici che si sgretolavano, solo 12 giorni dopo il sisma 8.2 che ha ucciso 98 persone e proprio in occasione del 32esimo anniversario del devastante terremoto, uno dei peggiori del Novecento, che il 19 settembre del 1985 in Messico ha provocato 10.000 vittime. L'epicentro è stato nella regione Morelos, a circa 160 chilometri da Città del Messico. Il terremoto, avvenuto a meno di due settimane di distanza dal sisma di magnitudo 8.1 che aveva colpito il sud del Paese, ha lasciato circa 3,8 milioni di messicani senza elettricità. Il presidente Enrique Pena Nieto ha ordinato l'installazione di generatori per assistere il lavoro delle squadre di soccorso che sono andate avanti tutta notte. 

Soccorritori e volontari stanno lavorando senza sosta per estrarre le vittime dalle macerie. "E' emergenza nazionale", ha dichiarato Pena Nieto, attivando anche i militari per i soccorsi. Tutte le scuole sono state chiuse a Città del Messico e negli stati di Puebla e Guerrero. L'aeroporto della capitale, inizialmente chiuso, è stato riaperto solo in serata e sembra non vi siano stati registrati danni. Negli ospedali a rischio crollo sono state ordinate evacuazioni. Il presidente Pena Nieto ha invitato la popolazione alla calma e, per chi ha un'abitazione sicura, a restare in casa per non intasare le strade percorse dai mezzi di soccorso. "Dio benedica la gente di Città del Messico. Siamo con voi e saremo accanto a voi", ha twittato il presidente americano Donald Trump mentre l'ex presidente Barack Obama, sempre con un cinguettio, ha offerto le sue condoglianze in spagnolo inviando "un forte abbraccio a tutti". Papa Francesco ha lanciato un invito ad aiutare il Paese: "In questo momento di dolore chiedo di manifestare solidarieta' a tutta la popolazione messicana", ha dichiarato durante l'udienza generale, invitando a pregare "per le vittime, i feriti e i familiari, e per quanti stanno portando soccorsi".

Un pensiero "al Paese amico colpito dal terremoto" e' stato rivolto anche dal premier, Paolo Gentiloni: "Italia vicina alle vittime e pronta a aiutare nei soccorsi". Messaggi di solidarietà  sono arrivati da tutti i leader sudamericani, a partire dal venezuelano Nicolas Maduro, dal presidente di El Salvador, Salvador Sanchez e dal presidente dell'Honduras, Juan Orlando Hernandez. Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha augurato ai feriti e al Paese una veloce ripresa. Il calciatore messicano della Roma Hector Moreno ha lanciato su Twitter l'hashtag #FuerzaMexico.

Il terremoto sembra che abbia provocato anche un'eruzione del vulcano Popocatepetl, nella regione di Puebla, causando la morte di 15 persone, secondo il governatore Jose Antonio Gali. Si tratta del vulcano piu' attivo del Messico: l'ultima eruzione risaliva al luglio.

Gli Stati Uniti hanno espresso la disponibilità ad aiutare il vicino Messico ad occuparsi delle conseguenze di un forte terremoto che e' costato la vita a più di 100 persone, provocando gravi danni all'infrastruttura del paese: lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert. "I nostri pensieri e preghiere sono con il popolo messicano colpito dal terremoto di magnitudo 7.1 e da altre recenti catastrofi naturali. Siamo pronti a fornire assistenza se i nostri vicini richiedono il nostro aiuto. La nostra ambasciata a Citta' del Messico ha inviato messaggi pubblici a cittadini americani in Messico, e l'ambasciata èpronta a fornire assistenza consolare a tutti i cittadini americani che potrebbero essere stati colpiti. Porgiamo le nostre condoglianze a coloro che sono stati feriti o hanno perso i loro cari".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni