cerca

ALLERTA TERRORISMO

Esplosione e spari a Bruxelles, ucciso l'attentatore

Esplosione e spari a Bruxelles, evacuata la stazione centrale

E' morto sotto i colpi dei soldati belgi, che hanno probabilmente evitato un'altra strage in una Bruxelles ancora profondamente segnata dagli attentati del 22 marzo 2016. Eta' apparente: 35 anni. Camicia chiara: è il mancato attentatore che ha cercato di seminare la morte ieri sera verso le 21, alla Stazione Centrale di Bruxelles.

 

"Conosciamo la sua identità, voleva far esplodere una potente bomba, ma alla fine c'è stata solo una piccola esplosione", ha spiegato al La Libre Belgique il ministro dell'Interno belga Jan Jambon in televisione. "Grazie alla risposta rapida, i militari - ha sottolineato - hanno impedito un atto di grande portata". L'attentatore veniva da Molenbeek, il quartiere da dove provenivano anche alcuni dei componenti la cellula che colpì nel 2015 a Parigi e nel 2016 nella capitale belga. Aveva una bomba piena di chiodi per fare più male. 37 anni, era già conosciuto dalle forze dell'ordine per reati sessualil e legati alla droga.

Alle 6:15 di stamattina, riferiscono i media belgi, un carro funebre ha portato via dalla stazione il cadavere dell'attentatore, dopo che gli esperti della polizia hanno effettuato per ore tutti i rilievi necessari. Jambon ha detto che il perimetro intorno alla stazione è stato rimosso, per avviare il ritorno alla normalità. Dinamica dei fatti ancora da chiarire, a iniziare dal luogo esatto dell'esplosione o delle esplosioni: una o due, nel mezzanino o nella hall. L'uomo, che a quanto pare indossava anche una cintura esplosiva, ha fatto saltare un trolley nell'ammezzato per poi scendere ai binari 3 e 4, urlando frasi inneggianti ad Allah e al fatto che "i jihadisti esistono ancora".

Intanto le autorità hanno deciso di non alzare al quarto livello, il più alto, l'allerta per minaccia terroristica. Il procuratore Eric Van der Stypt ha subito fugato i dubbi: "E' terrorismo", ha detto, anche se questa volta non ha causato vittime, a parte l'attentatore. Sono subito scattate le misure antiterrorismo messe a punto dopo gli attacchi del marzo dello scorso anno. Sgomberate immediatamente la Stazione Centrale, ma anche quella del Nord e quella del Midi. Sgomberata anche la Grand Place, che è a pochi passi dalla Centrale e viene ritenuta un luogo particolarmente sensibile. Almeno due linee della metropolitana sono state chiuse. Ci sono stati momenti di vero panico, anche se per fortuna di breve durata. Le strade del centro infatti erano piene di giovani, spinti ad uscire anche da una serata particolarmente calda. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni