cerca

DOPPIO ATTACCO IN GRAN BRETAGNA

Terrore a Londra, furgone sulla folla e coltellate ai passanti: sette morti

Terrore a Londra, furgone sulla folla e coltellate ai passanti: sette morti

Terrore a Londra. Un furgone, lanciandosi a ottanta chilometri all'ora, in tarda serata, è salito sul marciapiede sul London Bridge, investendo i passanti: secondo l'ultimo bilancio i morti sono 7 mentre i feriti 49 e alcuni in gravi condizioni. Sul posto sono giunte immediatamente decine di auto della polizia, un elicottero, alcuni mezzi al setaccio del Tamigi, nel timore che qualcuno fosse caduto giù. Secondo alcuni testimoni, tre persone sarebbero uscite dal furgone armate di coltello, aggredendo i passanti. Mentre la polizia cercava di mettere in sicurezza l'area, momenti di paura si sono vissuti in altre due zone della città. Alcune persone sono state accoltellate nella zona di Borough Market, a poca distanza dal ponte, dove la polizia riferisce di una sparatoria e di essere stata costretta a rispondere al fuoco. Testimonianze parlando di persone ferite alla gola.

Poco dopo è stata costretta a intervenire anche nell'area di Vauxhall, nel sud della città. In quest'ultimo caso si sarebbe trattato ancora di un accoltellamento ma non collegato ai primi due, secondo le prime ricostruzioni della polizia. London Bridge e Borough Market sono stati infatti definiti dalla polizia atti di terrorismo, Vauxhall no.

Mark Rowley, numero uno dell'antiterrorismo di Scotland Yard, ha precisato prima dell'alba che il "numero delle vittime è di 7 morti mentre i feriti sono 49" diversi dei quali secondo quanto ha riferito il sindaco di Londra Sadiq Khan sono in condizioni critiche. "I terroristi - ha detto Khan - hanno in odio la nostra democrazia. Giovedì 8 giugno dobbiamo andare a votare per difendere la civiltà, i diritti umani e la democrazia". Morti anche i tre terroristi. La polizia esclude che ci siano altri complici: "Nessuno in fuga" dichiara in conferenza stampa la comandante della polizia metropolitana di Londra Cressida Dick.

Intanto la premier Theresa May è rientrata a Downing Street - dove stamane terrà una riunione di emergenza del comitato Cobra - per seguire minuto per minuto la situazione. Non c'è ancora una rivendicazione, ma sostenitori dello Stato islamico hanno espresso soddisfazione sui social network per gli attentati. Il presidente Usa Donald Trump ha offerto l'aiuto degli Stati Uniti. La polizia ha diffuso sui social network l'invito a tutti quelli che si trovassero coinvolti in possibili attacchi a "scappare in un luogo sicuro", perché "questa è una opzione migliore che arrendersi o negoziare", e a nascondersi, impostando il telefono in modalità silenziosa e barricandosi dentro.

I londinesi però non hanno ceduto alla paura e molti hanno offerto ospitalità a chi è rimasto coinvolto nei fatti. "Vivo a cinque minuti dal London Bridge. Se qualcuno ha bisogno di aiuto, o anche solo di tè o di un posto tranquillo in cui aspettare che la situazione di calmi, mi mandi un messaggio", scrive una donna su Twitter. "Chi è in zona intorno a Londron Bridge e ha bisogno di tornare a casa mi scriva", dice un altro precisando che sarà un aiuto gratuito e concludendo con l'hashtag #londonwillnotfall, "londra non cadrà".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni