cerca

USA

Trump , si dimette consigliere di sicurezza Flynn: "Mentì su colloqui con russi"

Trump , si dimette consigliere sicurezza Flynn: Mentì su colloqui con russi

L'amministrazione Trump perde il suo primo tassello. Si è dimesso Michael Flynn, consigliere nazionale per la sicurezza, dopo la notizia secondo cui aveva parlato delle sanzioni imposte da Washington su Mosca con l'ambasciatore russo in Usa, Sergey Kislyak, prima di entrare ufficialmente in carica, mentendo su questo al vice presidente Mike Pence. Tra i papabili per la successione spunta il nome dell'ex direttore della Cia David Petraeus.

Alcune ore prima delle dimissioni, era la giunta la notizia che nei giorni scorsi il dipartimento di Giustizia aveva avvertito la Casa Bianca sulla posizione di Flynn, giudicata a rischio ricatto proprio per i contatti con Kislyak prima del 20 gennaio, data dell'insediamento di Trump. Questo primo passo falso potrebbe ora avere conseguenze sulle relazioni tra Usa e Russia, e rallentare in qualche modo la ripresa del dialogo con Vladimir Putin.

Flynn aveva garantito a Pence di non aver parlato della questione sanzioni con funzionari russi, ma alcune trascrizioni delle comunicazioni intercettate, riportate da ufficiali americani, mostrano che non era vero. Questo tipo di contatti potrebbe anche rappresentare una violazione della legge che vieta ai cittadini di essere coinvolti in questioni di politica estera se non fanno parte del governo, il cosiddetto Logan Act.

"Sfortunatamente - scrive Flynn nella lettera di dimissioni - ho aggiornato il vice presidente eletto e gli altri con informazioni incomplete per quanto riguarda le telefonate con l'ambasciatore russo. Ho chiesto sinceramente scusa al presidente e al vice presidente. Loro hanno accettato le mie scuse". A prendere il suo posto ad interim è il generale in pensione Keith Kellogg, che era capo dello staff del Consiglio nazionale di sicurezza della Casa Bianca. Tra i nomi dei possibili successori sono emersi quelli del generale David Petraeus, ex direttore della Cia, e di Robert Harward, ex vice comandante del Central Command statunitense.

Generale in pensione, Flynn, 58 anni, è stato uno dei primi sostenitori di Trump e vice presidente della squadra di transizione. Ha iniziato la sua carriera dell'esercito nel 1981 ed è stato inviato in Afghanistan e Iraq. Diventò capo dell'Agenzia di intelligence della difesa nel 2012 sotto Barack Obama ma è andato in pensione un anno prima del previsto, diventando un feroce critico della politica estera del presidente democratico.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada

Opinioni