cerca

STATO DI EMERGENZA IN CALIFORNIA

Diga di Oroville, paura inondazione: 200 mila persone in fuga

La diga di Oroville rischia di collassare, paura in California: evacuate 200 mila persone

Stato di emergenza ed evacuazione di massa in California, per il rischio di collasso dello sfioratore di emergenza della diga di Oroville, la più alta degli Stati Uniti, a circa 250 chilometri a nord-est di San Francisco. Quasi 200.000 persone sono state allontanate dalle loro case dopo che le autorità hanno avvertito che il canale di scarico di emergenza potrebbe cedere.

Funzionari statali e locali hanno detto durante la notte ora locale che la situazione sembrava meno grave, ma avvertendo che rimane imprevedibile, mentre la stazione televisiva di Sacramento KCRA ha riferito che elicotteri provenienti da tutto lo Stato sono stati inviati sul posto per sigillare il buco creatosi nel canale di scarico della diga. Il governatore della California, Jerry Brown, ha dichiarato lo stato di emergenza, in modo da consentire di attivare con rapidità i lavori di ripristino e le operazioni di evacuazione. "Una volta che hai un danno a una struttura del genere è una catastrofe", ha spiegato il direttore delle risorse idriche Bill Croyle, sottolineando però che "l'integrità della diga non è influenzata" dallo sfioratore danneggiato. La diga è appena a monte e a est di Oroville, una città di più di 16.000 abitanti a nord di Sacramento. Con 230 metri di altezza, la struttura, costruita tra il 1962 e il 1968, è la più alta diga degli Stati Uniti. Il timore è che il canale di scarico danneggiato possa scatenare una parete di 9 metri di acqua su Oroville.

Gli ordini di evacuazione rimangono in vigore per 188.000 persone residenti nella zona e sono da rivalutare periodicamente. Il consiglio per gli sfollati è di non viaggiare verso Nord, in direzione Oroville. Centri di evacuazione sono stati istituiti in un polo fieristico a Chico, a circa 32 km a nord ovest di Oroville, ma le principali autostrade che portano a sud fuori della zona sono state prese d'assalto e intasate dai residenti in fuga. Javier Santiago, 42 anni, è fuggito con la moglie, due figli e alcuni amici in un parco pubblico portando con sè coperte, cuscini e un po' di cibo. "Stiamo andando a dormire in macchina", racconta. "Questa non è un'esercitazione. Ripetiamo, questa non è un'esercitazione", l'allarme lanciato dal National Weather Service, il servizio metereologico nazionale, invitando le persone che vivono sotto la diga ad evacuare.

La diga Oroville è quasi piena in seguito alle violente piogge invernali che hanno portato sollievo allo Stato dopo quattro anni di siccità. Autorità statali e ingegneri hanno cominciato a rilasciare acqua dalla diga giovedì dopo aver notato che grandi blocchi di cemento mancavano dal canale di scarico. Sabato i livelli di acqua sono aumentati al punto che un canale di scarico di emergenza è stato usato per la prima volta. I funzionari inizialmente credevano che il sistema avesse funzionato, ma domenica pomeriggio, quando una massa d'acqua dopo le tempeste record si è riversata nel lago di Oroville, hanno rilevato un buco nel canale e, alla fine, hanno ordinato le evacuazioni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra

Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"
Occhiali scuri e cappellino, così rapinava i negozi a Roma