cerca

TERZO NO AL PRESIDENTE

Anche la Corte d'Appello federale boccia il bando anti-islam di Trump

Anche la Corte d'Appello boccia il bando anti-islam di Trump

La Corte d'appello federale di San Francisco ha respinto all'unanimità la richiesta del governo di reintrodurre il "muslim ban", sospeso il 29 gennaio scorso. Ma Donald Trump non si arrende e preannuncia che la battaglia legala va avanti. «Ci vediamo in tribunale, la sicurezza della nostra nazione è in gioco», ha scritto su twitter il presidente degli Stati Uniti, che poi, parlando con i giornalisti, ha aggiunto: «È una decisione sulla quale vinceremo facilmente, secondo me».

Nella sentenza lunga 29 pagine, i tre giudici hanno respinto all'unanimità la tesi del dipartimento della Giustizia secondo cui il presidente è l'unico a poter decidere la politica sull'immigrazione. La Corte del Nono circuito ha poi sottolineato come «non ci siano prove che stranieri provenienti da uno dei Paesi citati nell'ordine» (Sudan, Siria, Iran, Iraq, Yemen, Libia e Somalia) abbiano commesso atti di terrorismo negli Stati Uniti. «Da una parte - scrivono ancora - la popolazione ha un forte interesse nella sicurezza nazionale e nella capacità di un presidente eletto di attuare le sue politiche. Dall'altra, c'è anche un interesse alla libertà di viaggiare, evitando separazioni di famiglie, ed alla libertà dalle discriminazioni». Il dipartimento di Giustizia si è per il momento limitato a far sapere che «sta valutando la decisione» presa dalla Corte di San Francisco «e considerando le opzioni».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni