cerca

SEGRETI E DOSSIER

Obama grazia Chelsea Manning
gola profonda di WikiLeaks
Assange verso l'estradizione

L'ex analista militare sarà scarcerato a maggio dopo due tentativi di suicidio. La promessa dell'attivista australiano: se lo liberate mi consegno

Obama grazia la gola profonda di WikiLeaksAssange verso l'estradizione in Usa

Colpo di scena nella vicenda WikiLeaks. Venerdì scorso Julian Assange dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra dove è rifugiato dal 2002 aveva detto che si sarebbe consegnato alle autorità americane se Barack Obama avesse dato la grazia a Chelsea Manning, l'ex militare transgendere nato col nome di Bradley, principale fonte di documenti riservati di WikiLeaks. Ebbene, la grazia è arrivata: il presidente uscente degli Stati Uniti ha commutato la pena di Chelsea Manning, che sarà liberata in maggio. L'ex analista dell'intelligence militare è stato condannato a 35 anni di carcere con l'accusa di aver passato documenti al sito diretto da Assange. La decisione di Obama è arrivata dopo due tentativi di suicidio in carcere da parte di Manning, recluso in un penitenziario maschile.

Nei giorni scorsi Edward Snowden aveva lanciato un appello a Obama per la liberazione di Manning. Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, si era detto pronto a consegnarsi alle autorità Usa se Obama avesse graziato Manning. Promessa non ripetuta nei messaggi di felicitazioni dopo l'annuncio della grazia a Manning.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi