cerca

DOPO I CYBER ATTACCHI DURANTE LE PRESIDENZIALI

La nuova guerra fredda Usa-Russia Obama espelle 35 diplomatici
Putin non risponde alla provocazione

La nuova guerra fredda Usa-Russia Obama espelle i diplomatici Putin chiude la scuola americana

Non arriva la risposta russa alle nuove sanzioni e all'espulsione di 35 diplomatici ordinate dal presidente Usa Barack Obama, per il sospetto di ingerenze nel voto presidenziale di novembre. Così mentre Obama attacca, Putin fa il superiore e rinuncia a rispondere con la stessa moneta. Niente espulsioni di americani dalla Russia, quindi. Eppure il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov aveva annunciato: «La reciprocità è la legge diplomatica nelle relazioni internazionali. Per questo proponiamo al presidente della Russia di dichiarare persone non gradite 31 funzionari dell'ambasciata Usa a Mosca e altri quattro del consolato Usa a San Pietroburgo». Nel frattempo era stata anche smentita la notizia lanciata nelle prime ore della mattina dalla Cnn, secondo la quale le autorità russe avevano ordinato la chiusura della scuola anglo-americana di Mosca, frequentata da figli del personale diplomatico di Usa, Regno Unito e Canada. Smentita anche la chiusura dell'accesso alla residenza di vacanza dell'ambasciata Usa a Serebryany Bor, vicino alla capitale russa.

La Russia "non crerà problemi ai diplomatici americani" e "non espellerà nessuno" in risposta alle sanzioni appena varate dagli Stati Uniti per il presunto coinvolgimento nell'hackeraggio che avrebbe influenzato l'esito delle presidenziali dell'8 novembre: ha detto quindi Vladimir Putin, di fatto respingendo la proposta del suo ministro degli Esteri. Il presidente russo ha peraltro definito "provocatorie" le mosse dell'amministrazione americana uscente, e si è "riservato il diritto di rappresaglia", il cui esercizio sarà subordinato alla valutazione della politica che adotterà il presidente Usa eletto, Donald Trump.

E, da parte sua, Trump, ha subito commentato la mossa di Putin con un tweet: «Grande mossa la sua sospensione. Ho sempre saputo che fosse un uomo intelligente». Il presidente eletto, nel pomeriggio aveva già annunciato l'incontro con i vertici dell'intelligence Usa per fare il punto sulle accuse di hackeraggio alla Russia, ma dopo le sanzioni decise da Barack Obama ha invitato a guardare avanti nei rapporti con Mosca. "Nell'interesse del nostro Paese e del suo grande popolo, la prossima settimana incontrerò i leader della comunità dell'intelligence per essere aggiornato sui fatti di questa situazione", ha twittato Trump. "E' tempo per il nostro Paese di procedere verso cose migliori e più grandi", ha aggiunto. Le sanzioni decise dal presidente Obama prendono di mira sia singoli individui che organismi russi: a 35 alti ufficiali di Mosca legati ai servizi segreti sono state date 72 ore per lasciare gli Stati Uniti insieme alle loro famiglie. Colpiti anche l'Fsb, cioè i servizi segreti russi, e il Gru, i servizi militari con quattro alti ufficiali (Igor Valentinovich Korobov, attuale numero uno del Gru, ed i suoi tre vice, Serghei Aleksandrovich Gizunov, Igor Olegovich Kostyukov e Vladimir Stepanovich Aleksev) che avrebbero direttamente ordinato i cyber-attacchi contro il Comitato Nazionale Democratico e altre organizzazioni politiche americane, inquinando le elezioni presidenziali. Trump ha sempre minimizzato sulla questione degli attacchi informatici al Partito democratico, arrivando a insinuare che potrebbero essere partito dagli stessi Stati Uniti, perché basterebbe "un ciccione di 400 chili che gioca a fare l'hacker dalla sua camera da letto". Già quanto era trapelata l'intenzione della Casa Bianca di sanzionare Mosca, non aveva nascosto la sua contrarietà: "Dobbiamo andare avanti con le nostre vite", aveva twittato.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    10:10, 30 Dicembre 2016

    INVIDIA, CREPA !!!!

    L'homo nero, e' rimasto talmente male, per la scoperta della totale mancanza dei suoi aficionados, alle ultime elezioni presidenziali, che ha trovato il modo di tamponare, la depressione, che ne e' scaturita, con questa boutade, degna di persone, che piu' piccine non potrebbero essere (ricordate? "ridammi i miei giocattoli, perche' con te, non ci gioco piu'!"). Trump, ha vinto perche' il Paese, ha deciso, dopo ben otto anni trascorsi con Obama presidente, che così, non si poteva continuare! Il Popolo degli States, ha sentenziato e nessun altro! I condizionamenti, di cui straparla, lui ed i suoi amici destinati a sparire, dal 20 gennaio prossimo, sono talmente rossi d'invidia, da far schifo! L'invidia, e' un vizio capitale, che portera' alla rovina, chi la percepisce e la manifesta, come hanno fatto Obama, la Clinton e quelli che nella Cia, vorrebbero farci credere, che la Terra non gira piu' su se stessa! Agli Americani, agli States, agli Amici Russi ed i suoi Governanti, lunga, lunghissima vita, senza se e senza ma. Noi, che viviamo in Italia, ma seguiamo le vicende internazionali, plaudiamo alle Elezioni Presidenziali Statunitensi, come il massimo delle manifestazioni, che piu' DEMOCRATICHE, non potevano essere e non ci sara' mai, nessun Obama, o Clinton, o Cia, che ci porteranno a cambiare idea. Ed aggiungiamo, che Putin, ha fatto BENISSIMO nel rispondere al presuntuoso-pretestuoso uscente, per il quale, ormai il 20 gennaio, e' lì dietro l'angolo.......W gli USA, W TRUMP!

    Rispondi

    Report

.tv

"Lei è la sindaca?" La Merkel snobba Virginia Raggi

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera M5s Valeria Ciarambino
Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye