cerca

IRAQ

L'esercito a Mosul ma l'Isis resiste

Le truppe irachene entrano in città. Allarme dell'Onu: "Gli jihadisti minacciano di usare civili come scudi umani"

Iraq L'esercito a Mosul ma l'Isis resiste

Battaglia a Mosul tra le truppe anti-Isis e gli jihadisti

Le forze irachene stanno combattendo contro lo Stato islamico dentro mosul, alla periferia orientale della città, mentre l'offensiva per sottrarla ai jihadisti è entrata nella terza settimana. Gli abitanti del quartiere orientale di al-Quds hanno riferito che i jihadisti sono impegnati in combattimenti strada per strada, per tentare di respingere l'esercito. Intanto, i soldati del servizio antiterrorismo sono entrati nella stazione tv nel quartiere di Gogjali: è il primo edificio di importanza che sottraggono all'Isis nella città dall'inizio dell'offensiva, ha dichiarato il generale Talib Shaghati. "Questo è un buon segno per la gente di Mosul, perché la battaglia per liberare la città è effettivamente iniziata" ha aggiunto.

 

 

Le truppe irachene, le forze di sicurezza, le milizie sciite e curde peshmerga, avanzano su diversi fronti, sostenute dalle truppe e dall'aviazione guidate dagli Stati Uniti. I progressi più grandi li hanno fatti le unità speciali sul fronte orientale. "Stiamo attualmente combattendo alle periferie orientali di Mosul", ha dichiarato il generale delle forze speciali, Abdul Wahab al-Saidi. "La pressione è su tutte le parti della città per facilitare l'ingresso nel centro", ha precisato. Secondo al-Saidi, le forze armate hanno ripulito dai combattenti dell'Isis gran parte del distretto orientale di Kokjali, vicino ad al-Quds.

 

 

Alte colonne di fumo si alzano nel cielo a est della roccaforte dell'Isis, mentre il suono regolare dei colpi di artiglieria risuona nell'aria. All'interno della città, gli abitanti raccontano di sentire il rumore dei pesanti scontri. Alcuni parlano di proiettili che colpiscono i muri delle case, molti non escono all'aperto da giorni. mosul è molto più grande di tutte le altre località in mano all'Isis in Siria e Iraq: la sua liberazione segnerebbe la disfatta dell'ala irachena del 'califfato', autoproclamato proprio a mosul da Abu Bakr al-Baghdadi due anni fa. Ieri il premier iracheno, Haider al-Abadi, ha detto che l'intenzione è di chiudere ogni via di fuga ai jihadisti: "Taglieremo la testa al serpente", "non hanno via di fuga, moriranno o si arrenderanno".

 

 

I comandanti hanno previsto che la battaglia di mosul potrà durare per mesi. Le Nazioni unite temono una crisi umanitaria con un esodo di civili che potrà arrivare a un milione di persone in fuga. L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) ha dichiarato che circa 18mila persone sono sfollate dall'inizio dell'offensiva, il 17 ottobre. Altre migliaia di abitanti dei villaggi sono invece state costrette a trasferirsi a mosul dai jihadisti, per essere usati come scudi umani.

 

 

L'Isis, ha riferito l'Onu, ha anche tentato di costringere 25mila civili a trasferirsi da una località a sud di mosul nella città. Il tentativo è stato bloccato: i camion carichi di civili si sono fermati a causa dell'azione dell'aviazione. Secondo le Nazioni unite, nel mese di ottobre sono 1.792 i morti nelle violenze in Iraq, di cui 1.120 civili, la maggior parte nella provincia di Ninive di cui mosul è capoluogo. Nel mese precedente le vittime erano state 789 in meno.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500