cerca

Parla per 13 ore e salva la legge sull’aborto

In piedi per 13 ore filate a difendere il diritto all'aborto: con una maratona oratoria destinata a passare alla storia del Texas, la senatrice democratica Wendy Davis è riuscita a bloccare un...

In piedi per 13 ore filate a difendere il diritto all'aborto: con una maratona oratoria destinata a passare alla storia del Texas, la senatrice democratica Wendy Davis è riuscita a bloccare un progetto di legge dei repubblicani che imponeva rigidi paletti alle interruzioni volontarie di gravidanza. La legge doveva essere approvata entro la mezzanotte ma grazie all'intervento fiume della pasionaria dell'Asinello, il voto è slittato oltre il tempo limite, a legislatura scaduta, ed è stato annullato. Scarpette da ginnastica rosa sotto il tailleur bianco, la Davis ha messo in campo una forma estrema di «filibuster», la tattica dell'ostruzionismo, parlando dalle 11.18 di mattina fino alle 22.03. Un’impresa accompagnata dallo stesso presidente Usa, Barack Obama, con un messaggio su Twitter di incoraggiamento - dove è nato l’hashtag «in piedi per Wendy» . Secondo il rigido regolamento del Senato texano, chi parla non può sedersi ne' interrompere il proprio intervento o andare alla toilette; inoltre, non è possibile discostarsi dall'argomento oggetto dell'intervento per piu' di tre volte. La senatrice voleva andare avanti fino alla mezzanotte, per impedire il voto sul provvedimento ma, dopo 10 ore e 45 minuti, è stata costretta a fermarsi . Il voto è' comunque avvenuto e la legge è passata con 19 voti a favore e 10 contrari. Ma, verso le due del mattino, il vicegovernatore David Dewhurst ha dovuto ammettere la sconfitta, dichiarando nulla la procedura di votazione poiche' dai tabulati risultava avvenuta poco dopo la mezzanotte.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni