cerca

Obama in Cisgiordania: «Stato palestinese e fine delle occupazioni»

Francesco Di Salvatore f.disalvatore@iltempo.it «La pace in Medioriente è possibile. Palestinesi e israeliani tornino al tavolo dei negoziati perché la soluzione riferita a due Stati non è un sogno,...

Obama in Cisgiordania: «Stato palestinese e fine delle occupazioni»

B_A_WEB

«La pace in Medioriente è possibile. Palestinesi e israeliani tornino al tavolo dei negoziati perché la soluzione riferita a due Stati non è un sogno, ma non usino il loro disaccordo come scusa per non tentare di raggiungere l’accordo. Almeno due condizioni sono però necessarie: il riconoscimento dello Stato palestinese e la fine dell’occupazione nei Territori». Il presidente americano Barack Obama traccia la strada per determinare una svolta nei rapporti tra Israele e Palestina e per porre fine al lunghissimo conflitto. Giornata storica, quella di ieri, per il capo della Casa Bianca che a Ramallah ha incontrato il leader palestinese Abu Mazen. Non sono mancate contestazioni da parte di un centinaio di manifestanti che hanno agitato scarpe. Nel pomeriggio il presidente Usa, rientrato a Gerusalemme, ha lanciato un appello alla popolazione israeliana affinché riconosca che un compromesso con i palestinesi è necessario per garantire la sicurezza e la pace dello Stato ebraico e dell’intero Medioriente. Intervenendo al Jerusalem Convention Center, davanti a centinaia di studenti, più volte applaudito, il presidente ha definito Abbas e il primo ministro Salam Fayyad due «veri partner» per la pace per Tel Aviv, capaci di mantenere la sicurezza in Cisgiordania. Quindi ha ribadito che «il diritto del popolo palestinese all'autoderaminazione e alla giustizia deve essere riconosciuto. Mettetevi nei loro panni, guardate il mondo attraverso i loro occhi - ha aggiunto rivolgendosi al pubblico - Non è giusto che una bambina palestinese non possa crescere in un suo Stato e debba vivere con la presenza di un esercito straniero che controlla i movimenti dei suoi genitori ogni giorno. Visto che gli israeliani hanno costruito uno Stato nella loro terra - ha proseguito Obama - i palestinesi hanno il diritto di essere un popolo libero nella propria terra». Parole forti anche sui Territori occupati. Obama non ha fatto esplicite richieste a Tel Aviv, ma ha puntato il dito contro la continua costruzione di insediamenti. «Israele - ha detto - deve riconoscere che la continua attività di colonizzazione è controproducente alla causa della pace, che una Palestina indipendente deve essere possibile, che confini reali devono essere tracciati». Tuttavia il presidente ha voluto ribadire l'assoluta alleanza tra gli Stati Uniti e lo Stato ebraico, definito «miglior amico» e alleato degli Usa. E ha sottolineato che Washington non verrà mai meno al proprio impegno a favore della difesa di Israele. Sull’Iran: «Impediremo che si doti di armi nucleari». Sulla Siria: «Il mondo sta guardando. Assad si assume la responsabilità degli eccidi».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi