cerca

LA TRATTATIVA

Scontro aperto sulle pensioni, ecco chi rischia e chi può salvarsi

Sindacati in guerra sui 67 anni e sui lavori gravosi da escludere. Il ministro Calenda chiude al rinvio dell’adeguamento: "Costa troppo"

Scontro aperto sulle pensioni, ecco chi rischia e chi può salvarsi

Da sinistra il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda e il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

Il rinvio mette a rischio i conti. Nonostante il no secco del governo, continuano le polemiche sull’innalzamento automatico dell’età pensionabile a 67 anni previsto per il gennaio 2018. A rinfocolarle è il ministro dello sviluppo Carlo Calenda, che in un’intervista al Corsera boccia la proposta del Pd di posticipare la decisione in merito a giugno, quando ci sarà presumibilmente un nuovo governo. «Ben difficilmente il primo atto del prossimo governo sarà un via libera all’adeguamento. In tal caso il potenziale costo complessivo secondo il presidente dell’Inps sarebbe di 140 miliardi. Il tutto mentre più di un terzo dei giovani è senza lavoro e rischia di non avere la pensione».

Insomma, l’operazione non è sostenibile, come il governo ha rappresentato a Cgil, Cisl e Uil: l’ipotesi di rivedere il meccanismo non è sul tavolo, costa troppo. L’esecutivo ha però aperto uno spiraglio sull’allargamento della platea dei lavori usuranti, ma questa possibilità dovrà fare i conti coi vincoli di bilancio».

La partita, che proseguirà con un tavolo tecnico lunedì e con una verifica politica il 13 novembre, si sposta sulla definizione di una lista più ampia delle categorie di lavoratori, che svolgono attività gravose o difficoltose, da esentare totalmente o in parte dall’automatismo. Si tratta di operai edili, conciatori, macchinisti e ferrovieri, camionisti, infermieri che lavorano su turni, addetti alle pulizie, facchini, netturbini e maestri d’asilo. Anche se le trattative partono male: l’invito ai sindacati, infatti, è arrivato...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • franco

    mansullo

    19:07, 04 Novembre 2017

    Considerazioni.

    Credo che stiamo in Russia, perchè i cittadini sono costretti a sentire e a leggere ciò che il potere polito vuole far sapere. Ma è mai possibile che non si parli di lavoro, quello serio fatto con i concorsi statali, dando ai nostri giovani un futuro, anzi chè parlare solo di lavoro precario, di jobs act e voucher, perchè in questo modo non ci sarà mai ripresa della domanda interna e le notizie circa il PIL che cresce, la fiducia dei consumatori che aumenta, rimarrà solo un sogno.

    Rispondi

    Report

.tv

Clochard accoltella poliziotto: paura in via Appia Nuova

"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile
Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente
Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Opinioni