cerca

MULTE E TASSE

Cartelle esattoriali, ecco tutte le regole della rottamazione bis

CARTELLE ESATTORIALI, ECCO TUTTE LE REGOLE DELLA ROTTAMAZIONE BIS

Il decreto fiscale approvato ieri dal consiglio dei ministri ha introdotto la rottamazione bis. Il procedimento che consente ai contribuenti morosi di mettersi in regola pagando le cartelle esattoriali senza sanzioni e interessi. Il mini condono che si era chiuso  a maggio scorso potrà essere applicato anche ai carichi affidati all’agente della riscossione dal primo gennaio al 30 settembre 2017. Il contribuente dovrà presentare domanda entro il 15 maggio 2018 e il pagamento delle somme dovute dovrà essere effettuato in un numero massimo di cinque rate di pari importo nei mesi di luglio, settembre, ottobre e novembre 2018 e febbraio 2019. Non solo. Per recuperare gettito si apre un'ennesima possibilità di mettersi in regola anche a chi, avendo chiesto la prima rottamazione, non ha poi pagato le rate previste ed è decaduto dal beneficio. Viene consentito al debitore di effettuare entro il 30 novembre 2017 il pagamento delle rate della definizione agevolata dei carichi scadute a luglio e a settembre 2017. I contribuenti interessati dovranno versare entro il 31 maggio 2018 le rate non corrisposte dei piani di dilazione. Chiaramente si tratta di quanto previsto dal decreto entrato nel Cdm e che dunque dovrà essere convertito entro 60 giorni dal Parlamento. Possibile quindi che vi siano ulteriori modifiche migliorative chieste nei lavori da parte dei partiti. Ad esempio Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni chiederà in parlamento che le rate siano portate a 10, per venire incontro ai debitori più deboli.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Leo

    Annunziata

    20:08, 14 Ottobre 2017

    rottamazione cartelle esattoriali

    Il governo deve dare la possibilità ai debitori deboli economicamente(pensionati ed unireddito con famiglia a carico)di poter partecipare alla rottamazione con dilazioni con rate mensili adeguate.Esaminando la possibilità economica di ogni individuo che ha la volontà di pagare e che fa richiesta di saldare il debito.Eliminare le cartelle esattoriali di debiti di dieci e venti anni fa che l'equitalia ha notificato varie volte per non farle prescrivere.

    Rispondi

    Report

.tv

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano volo [VIDEO]

Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari
Il crollo in diretta: ecco il video della voragine sull'Appia