cerca

CONTI PUBBLICI

L'Ue promuove l'Italia, ok alla manovrina ma rivuole l'Imu

L'Ue promuove l'Italia, ok alla manovrina ma rivuole l'Imu

L'Italia strappa la promozione a Bruxelles, ma viene rimandata al prossimo esame sui conti pubblici previsto in autunno. È quanto emerso dal pacchetto di primavera della Commissione Ue, che mette insieme le raccomandazioni specifiche per Paese e bacchetta gli Stati membri se presentano eccessivi squilibri macroeconomici. Nonostante l'esecutivo europeo non perda occasione per ricordare l'alto debito del Belpaese, nei giudizi si legge che "le misure fiscali aggiuntive richieste per il 2017 sono state adottate e che, pertanto, non sono necessarie ulteriori misure per conformarsi alla regola del debito in questa fase".

La Commissione fa riferimento alla manovra da 3,4 miliardi di euro, o lo 0,2% del Pil, chiesta per ridurre il disavanzo di quest'anno. Per l'Italia, viene ancora spiegato dall'Ue, la Commissione "ha concluso che non esistono le basi analitiche" per aprire una procedura per squilibri macroeconomici, a meno che l'Italia "non realizzi pienamente le riforme". Per il momento Roma viene graziata, soprattutto per gli impegni di riforma "sufficientemente ambiziosi", come li definisce il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici. Che avverte: "Oggi ci sono buone notizie, ma valuteremo nuovamente la conformità con la regola del debito sulla base delle previsioni di autunno".

Bruxelles chiede all'Italia di accelerare su alcuni capìtoli di riforma come i tempi dei processi civili, che "continuano ad essere tra i più alti dell'Unione europea", la lotta alla corruzione e l'ammodernamento di pubbliche amministrazioni, imprese pubbliche e ambiente imprenditoriale, per cui restano "una serie di inefficienze strutturali". E ancora, il governo deve lavorare ulteriormente per favorire lo smaltimento dei crediti deteriorati nella pancia delle banche, perché frenano il credito e dunque la ripresa. "Le iniziative politiche prese finora non hanno ancora portato a una significativa riduzione dei crediti in sofferenza", viene spiegato nei documenti di Bruxelles.

Ma il punto più controverso resta l'Imu sulla prima casa, che insieme con la riforma del catasto, la Commissione chiede all'Italia di reintrodurre, almeno per i più ricchi. Roma, afferma la Commissione, deve effettuare "un sostanziale sforzo fiscale per il 2018" che preveda "un'azione decisiva" per "riformare il sistema catastale obsoleto e reintrodurre la tassa sulla prima casa per le famiglie ad alto reddito".

L'Imu sulla prima casa è "una delle tante proposte, ma le riforme fiscali vanno viste nel loro insieme e io direi che cambiare idea su una tassa che è stata appena cambiata da pochi mesi non è una buona idea", risponde il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, arrivando a Bruxelles per l'Eurogruppo. E aggiunge: "Le riforme si continuano a fare ma bisogna farne altre. La crescita migliora, ma non soddisfa. Dobbiamo tenere la politica di bilancio in una strada stretta tra consolidamento e sostegno alla crescita". In un colloquio con il Financial Times, Padoan spiega inoltre la ragione dei tempi lunghi per l'accordo con le autorità europee per il salvataggio di Mps. "Stiamo stabilendo un precedente, un benchmark", dice l'inquilino di via XX Settembre, sottolineando che "non stiamo perdendo tempo, stiamo lavorando 24 ore al giorno per affrontare la questione e siano fiduciosi che concluderemo i colloqui con successo".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni