mercoledì 28 settembre 2016

.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
14/03/2015 06:04

CHE PAPA!

Nove miliardi di euro

Con il Giubileo raddoppieranno gli introiti. Rispetto all’evento del 2000 Attesi 90 milioni di pellegrini in Italia LEGGI ANCHE Rischiamo il boom dei b&b illegali

s.pietro

Il Giubileo è sempre stato un business. Il fenomeno non è recente ma fa parte della storia di questo appuntamento religioso che ha un risvolto d’affari rilevante.

Secondo il Rapporto Istat nello scorso Giubileo le strutture ricettive registrarono 78 milioni e 747 mila arrivi per un totale di 331 milioni e 45 mila presenze. Le presenze straniere aumentarono dell’8,3% mentre la clientela italiana aumentò del 6,7%.

Nella Capitale si registrarono ben 25 milioni di arrivi, in aumento del 23 per cento rispetto all'anno precedente. La permanenza di pellegrini e turisti fruttò circa 13 mila miliardi di lire, 2mila miliardi in più in confronto al 1999. Sarà per questo che in piazza del Campidoglio oggi c'è già chi sta pensando di stappare lo champagne.

Ma queste cifre potrebbero raddoppiare. Rispetto al 2000 il turismo ora viaggi più su Internet. Il web farà da moltiplicatore.

In tutta Italia si contano 200 mila posti letto gestiti da religiosi, con 3.300 indirizzi tra hotel, case per ferie, centri di accoglienza per pellegrini. Il giro d’affari è stimato in 4,5 miliardi di euro l’anno esentasse. Ma questa cifra è destinata a lievitare quasi del doppio in occasione del Giubileo. A Roma sono 5 mila i posti letto ufficialmente disponibili in ex conventi e collegi religiosi. Il giro d'affari del turismo religioso nella Capitale è stimato intorno ai 150 milioni di euro.

Oltretutto il calo delle vocazioni ha svuotato abbazie e monasteri, che sono più di 2 mila in tutta Italia, e questo proprio mentre gli ordini venivano chiamati a rispondere ad una nuova razionalità economica.

È un boom che ha moltiplicato i cantieri per trasformare antichi conventi e collegi religiosi in case di accoglienza e veri e propri alberghi, soprattutto nella Capitale.

All'incirca il 20-22% del patrimonio immobiliare italiano fa capo alla Chiesa. Un quarto di Roma è intestato a diocesi, congregazioni religiose, enti e società del Vaticano. Solo le proprietà che fanno capo a Propaganda Fide (il «ministero degli Esteri» del Vaticano che coordina l'attività delle missioni nel mondo) ammontano a 8-9 miliardi.

Tra gennaio e ottobre 2000 gli arrivi di turisti in occasione del Giubileo, negli alberghi sono aumentati, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, del 4,22%; le presenze (dato medio sulla durata del soggiorno) del 4,06%, e questo nei soli alberghi, mentre i pellegrini sono stati ospitati in larga maggioranza presso istituti religiosi. La crescita è stata fortissima negli hotel a cinque stelle (+34,20% di arrivi e +30,56% di presenze), buona nei tre e quattro stelle con percentuali intorno al 4%: dato il maggiore dinamismo di questo segmento (vedi sopra), è la risposta che ci si attendeva. All'opposto, calano le pensioncine a una stella (-21,30% di arrivi e -18,69% di presenze). Quanto alle provenienze, tengono gli arrivi dal resto d'Italia, mentre sono leggermente diminuiti i visitatori francesi e tedeschi. Discretamente aumentati gli altri europei, con positive sorprese dall'Irlanda (+35,27% di arrivi, +29% di presenze) e dalla Norvegia (+21,27%, +18,73%). Enorme l'aumento degli ospiti polacchi anche negli alberghi (+72,19% di arrivi) e in particolare nei cinque stelle, dove sono più che triplicati. Crescite consistenti anche dagli Stati Uniti e dagli altri paesi americani, trend più che buono dal Giappone, ottimo dal resto dell'Asia.

Leonardo Ventura






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro