cerca

La guerra non salva Sarkò

Altissima l'astensione. L'opposizione socialista nettamente in testa.

La guerra non salva Sarkò

sarkozy

Sarkozy ha preso una bella batosta alle elezioni cantonali in Francia. Probabilmente la sua stella è al tramonto. Risultati: abbiamo un’estrema destra che va alle stelle e fa il pieno nelle urne, mentre la destra di governo, nonostante l’intervento-lampo in Libia lanciato dal Presidente, appare alla deriva. In testa sempre il Partito socialista. Protagonista di questa tornata elettorale così significativa è Marine Le Pen, neo-leader del Fronte Nazionale, dal punto di vista mediatico-comunicativo e strategico-politico, degna figlia del controverso ma abile Jean-Marie. La sinistra si è riposizionata, con i socialisti in testa, con poco meno del 30% dei voti. Astensionismo al 55%, un record storico. Sono ancora molte le situazioni in bilico sul territorio e si attendono sfide "triangolari" Ps-Fronte nazionale-Ump, al secondo turno.

Ecco, in questo contesto storico-politico determinato, Sarkò sta giocando la partita con il coltello tra i denti per portare a casa il risultato alle presidenziali. La strategia bellica anti-Gheddafi deve essere inquadrata in un tornante assai stretto per il Presidente brillante di una destra creativa e popolare, fino a ieri ancora in auge. Dunque, in sostanza, Sarkozy sta giocando una gigantesca e decisiva partita strategica, direi la partita della sua vita politica, con l'ansia della tattica. Nel senso che, ad oggi, ogni colpo efficace è un bottino non trascurabile - dunque, la tattica che cucina il risultato per il domani -, mentre si attende il rivolgimento storico dei fatti, causato anche dall'accelerazione bellica impressa dalla Francia. Jean-Dominique Merchet, giornalista del settimanale corrosivamente anti-sarkozista, "Marianne", ha sentenziato sul suo blog: «Piccola geopolitica della guerra in Libia».

Perfetto. Allora, registriamo un primo colpo assestato all'asse delle relazioni internazionali atlantiche: scacco matto all'Italia, in prima battuta, con i bombardieri francesi in volo su Bengasi a strapazzare gli uomini di Gheddafi. Dopodiché, effetto domino, sempre sull'Italia, perché non si può fare l'«affittacamere» (sic) e/o l'«albergo a ore» delle forze Nato, dunque, avanti tutta con otto apparecchi a dar man forte alla coalizione. Il Presidente ha immediatamente deciso di prendere il toro per le corna e già al vertice di Parigi aveva predisposto tutto per le prime azioni anti-Gheddafi, questo è poco, ma sicuro. L'Italia è spiazzata e non può permetterselo, sia per i nostri interessi in terra libica, sia per il futuro post-Gheddafi, per non parlare degli sbarchi a Lampedusa. Su quest'ultimo problema, sarà bene non criticare con burbero cipiglio Bossi, che non è diventato pacifista un tanto al chilo, ma sta pensando anch'egli a un «post» e, dunque, mette un «post-it» sulla scrivania del Governo: gli sbarchi, prego, favorire politica in concerto con l'Europa, se esiste. E che l'Europa esista, in frangenti di governance globale, è tutto da dimostrare. Ebbene Sarkò - che sa di quest'Europa imbelle e sta, d'altra parte, lavorando per non farsi umiliare a casa sua, dopo una serie di errori - ha sfruttato la carta Libia, pardon, la carta Gheddafi, per raccattare consensi. Non è un De Gaulle redivivo. Ha solo la statura fisica di Napoleone, le somiglianze finiscono qui. Ma ha una sinistra rediviva alle calcagna e tanto basta.

Del resto, non c'era bisogno di Napoleone, bastava Nicolas Sarkozy per lanciare i dadi. Non è un'operazione random, perché il caso è il dio degli imbecilli. Agire subito, prima di farsi tirare dai nemici il nodo scorsoio. Adesso tutti sono al traino della Francia. Un capitale strategico-tattico. Non c'è dubbio. Le elezioni cantonali, con il minimo storico degli aventi diritto al voto a fare la fatica di mettere la croce sui candidati, possono attendere. Sono presenti, ma, nello stesso tempo, già scadute: la Francia sta bombardando il Tiranno.

Niente neo-colonialismo di risulta. Nel mondo senza più Stati e con troppe strategie incrociate, con troppi giochi a somma zero, non si possono coltivare ambizioni colonialistiche, è tutto un gioco di specchi. La Francia metterà il cappello sulle fonti energetiche libiche? Forse. Ma come farà a governare l'asse nord-africano ed euro-mediterraneo da sola? Se questo è colonialismo, è roba da minus habens. Nel globalismo a multipla velocità non ci sono garanzie per nessuno. I salvatori di oggi diventano i tiranni di domani. Nessuno ha le carte per vincere la mano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni