cerca

Gaz de France in pressing su Acea

Così dopo l'irritazione i francesi starebbero per passare ai fatti. E, secondo quanto risulta a Il Tempo, i legali dei transalpini sarebbero in procinto di spedire una lettera al comune di Roma, primo azionista di Acea, per chiedere conto della sua posizione ufficiale dopo lo stop al piano industriale delineato con la precedente giunta.

Nella missiva potrebbe essere chiesto, in particolare, di sciogliere il nodo della concessione attualmente in carico alla Romana Gas (acquistata da Suez-GdF da Eni e offerta all'Acea in cambio di un ruolo più operativo nella gestione dell'energia romana) in scadenza il 31 dicembre di quest'anno. Non è ancora chiaro, infatti, se il rinnovo possa essere automatico per la stessa Suez oppure se sia necesssaria una nuova gara europea. Un'eventualità che potrebbe anche far recedere i francesi dai loro propositi bellicosi a Roma. In ogni caso la richiesta francese sarebbe finalizzata ad avere maggiori chiarimenti sull'orientamento del Campidoglio per impostare le nuove strategia di crescita.

Contestualmente, poi, sarebbe richiesto al Comune anche il beneplacito per passaggio della rete del gas dall'originale proprietaria, l'Eni, ai francesi. Che la ottennero in una trattativa che consentì al colosso guidato dall'ad Scaroni di prendere la rete belga di Distrigaz cedendo quella romana a Suez. Ma vincolando il passaggio effettivo al via libera del Campidoglio. Mai espresso. E del quale la lettera chiederebbe appunto conto. Insomma i francesi non avrebbero alcuna intenzione di farsi da parte nel risiko romano dell'energia. Una volontà che si ritroverebbe anche nella «profezia» di Mestrallet per la crescita a qualunque costo e che potrebbe concretizzarsi con la discesa a fianco dei parigini di un socio forte, ben posizionato nel mercato italiano.

Una carta da contrapporre all'asse che si sarebbe creato tra il Campidoglio e il secondo socio di Acea, Caltagirone. E che risponderebbe al profilo dell'ingegnere De Benedetti, già socio dei francesi nella Tirreno Power. Sarà anche per questo che il giornale dell'Ingegnere martella da giorni i vertici Acea creando più di qualche malcontento. Per ora i ben informati assicurano che ai piani alti di Piazzale Ostiense i tecnici siano già al lavoro per stendere un nuovo piano industriale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni