cerca

Acea smentisce l'addio di Mangoni

È ancora giallo attorno ad Acea, la ex municipalizzata che gestisce elettricità e acqua nella Capitale. Date per certe, secondo indiscrezioni di stampa, le dimissioni dell'ad Andrea Mangoni, le stesse sono state immediatamente smentite dalla società di Piazzale Ostiense. Sono «infondate» le indiscrezioni di stampa secondo cui l'Amministratore Delegato dell'Acea, Andrea Mangoni, avrebbe rassegnato le proprie dimissioni ha spiegato una nota della società. «Allo scopo di limitare la diffusione di informazioni non verificate e tuttavia suscettibili di influenzare la formazione di opinioni in capo agli investitori in merito alle possibili scelte strategiche della Società, Acea SpA comunica che, allo stato, tali dimissioni non sono state presentate e le relative notizie sono, pertanto, da ritenersi destituite di ogni fondamento». «Conformemente alla normativa applicabile ed alla propria convinta politica di relazione con il mercato, la Società - prosegue la nota - non mancherà di informare tempestivamente gli investitori e le Autorità di ogni sviluppo rilevante che dovesse determinarsi». Insomma tutto rientrato per ora. Ma la fibrillazione resta alta. Al punto che i consumatori del Codacons hanno chiesto di «sospendere momentaneamente le quotazioni del titolo Acea in Borsa». Mentre per i piccoli azionisti «il destino della rete e della gestione della Romana gas e le possibili revisioni delle concessioni e dei contratti di servizio in capo al gruppo Acea Spa, a termini di legge, avvengano con un CdA rinnovato, per la parte di nomina del Sindaco, compreso un nuovo amministratore delegato. Una scelta politica necessaria per rilanciare i servizi essenziali, riaffidandoli a tecnici esperti nei diversi core business ed escludendo, finalmente, gli uomini della finanza tossica nominati da Veltroni». La partita per un eventuale ingresso dei francesi di Suez-Gaz de France resta in fase di stallo. E nonostante le indiscrezioni su un possibile arrivo al posto di Mangoni dell'ex ad di Lottomatica, Marco Staderini, il nodo nomine è ancora da sciogliere.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500