cerca

Unipol, nuovo processo per Consorte

I giudici hanno ritenuta legittima la questione di competenza territoriale sollevata dalle difese e hanno ritenuto che il contratto di compravendita dei titoli oggetto d'imputazione sia stato perfezionato a Bologna e non a Milano, sede della borsa dove avvengono «materialmente» gli scambi. Da qui l'annullamento del processo che dovrà ricominciare da capo nella città emiliana. Uno stop che rischia di lasciare i due manager senza condanna. Il reato, infatti, sarà prescritto il prossimo agosto.
Consorte e Ssacchetti erano stati condannati a 6 mesi ciascuno - pena sospesa - e al versamento di 92.500 euro di danni patrimoniali alla consob. L'episodio di insider trading è relativo a una compravendita di obbligazioni Unipol, di cui i due erano a capo, avvenuta nel 2001. Imputato per la stessa vicenda, il finanziere Emilio Gnutti aveva patteggiato la pena che era successivamente stata convertita nel pagamento di una multa da 140.500 euro

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni